Nasce Federalberghi Terme
3 Feb, 2017
federalberghi Terme

Una folta rappresentanza di associazioni ed imprese alberghiere e termali ha costituito Federalberghi Terme, il sindacato italiano delle località e delle imprese termali e del benessere.
L’iniziativa mira a promuovere lo sviluppo del sistema turistico termale, in collaborazione con tutti i soggetti, pubblici e privati che hanno a cuore le sorti del settore.
Un plauso per l’iniziativa arriva dal presidente di Federalberghi Bernabò Bocca, che esprime apprezzamento al progetto al quale gli albergatori italiani dovrebbero guardare con favore, consapevoli dell’importanza che le terme assumono per lo sviluppo del sistema turistico italiano
L’Assemblea ha poi provveduto anche all’elezione degli organi, che per i prossimi cinque anni saranno composti dal presidente Emanuele Boaretto (Abano e Montegrotto Terme), dai vicepresidenti Stefania Capaldo (Ischia) e Daniele Barbetti (Chianciano Terme), Elena Leonessa (Ischia), Dante Simoncini (Montecatini Terme), Luigi Ceseracciu (Oristano), Antonella Passera (Salsomaggiore Terme).
“Gli scopi sociali del sindacato – dice Emanuele Boaretto eletto all’unanimità presidente Federalberghi Terme per il prossimo quinquennio – abbracciano un largo campo d’azione: la promozione e lo sviluppo della cultura termale e della qualità dell’offerta termale e del benessere; l’attività scientifica e sistematica di indagine, analisi e ricerche; la rappresentanza e la tutela dei soci, anche mediante la fornitura di servizi di consulenza ed assistenza; la formazione e l’aggiornamento professionale; la sottoscrizione di accordi con le organizzazioni sindacali”
“Il termalismo è un settore strategico del nostro turismo e la costituzione di Federlaberghi Terme lo dimostra. Ci attiveremo da subito per aprire una interlocuzione con il Governo per chiedere un correttivo al decreto Madia per salvaguardare le aziende termali di proprietà pubblica, perché senza una riforma complessiva del settore si rischiano processi di dismissione non governati e con scarsa tutela per le economie del territorio” – ha dichiarato il presidente di Federalberghi di Chianciano Terme, nonché vicepresidente nazionale di Federalberghi Terme, Daniele Barbetti.
“Dopo aver partecipato alla presentazione della proposta di legge sul termalismo – conclude Boaretto – avvieremo un roadshow per presentare il sindacato e i suoi soci ai nostri interlocutori istituzionali, tra cui il Ministero della salute, il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, l’ENIT, l’Intergruppo parlamentare amici del termalismo, l’Associazione nazionale dei comuni termali (Ancot), le organizzazioni dei lavoratori, la Conferenza Stato-Regioni e le singole regioni”.
L’Assemblea si riunirà nuovamente a breve, per ratificare le adesioni e l’ingresso negli organi di altri territori ed altre imprese, che in molti casi ne hanno già fatto richiesta.