Mps: si insedia il nuovo Ad Marco Morelli, il titolo rimbalza in borsa
21 Set, 2016
marco-morelli

Si è insediato a Rocca Salimbeni Marco Morelli, nuovo amministratore delegato di Banca Mps. Morelli ha avuto un incontro con i sindacati. Nel corso dell’incontro, durato poco più di un’ora, si è parlato principalmente dell’attuazione del piano industriale, delle retribuzioni del personale e del management, della nomina del nuovo responsabile di rete; non è stato invece affrontato il tema della futura presidenza. I sindacati hanno chiesto a Morelli celerità sulle decisioni: ma il nuovo amministratore delegato avrebbe fatto intendere ai presenti che i tempi potrebbero allungarsi rispetto a quelli che erano previsti nella road map fissata a luglio in occasione della presentazione dell’operazione di salvataggio della Banca, ovvero la fine di settembre. Oggi il titolo Mps rimbalza in borsa e guadagna il 3,74% a 0,19 euro poco sopra i minimi toccati ieri quando il titolo ha ceduto il 6,4% a 0,187 euro.

Di seguito pubblichiamo il comunicato stampa diffuso dalle organizzazioni sindacali dopo l’incontro di ieri:

Si è svolto ieri il preannunciato incontro fra le organizzazioni sindacali e il nuovo Amministratore delegato Marco Morelli, alla presenza della Responsabile della Direzione Risorse Umane e della Responsabile del Servizio Relazioni Industriali di Gruppo.

I sindacati hanno rappresentato all’Amministratore Delegato il delicato momento attraversato dalla Banca e, soprattutto, dai Lavoratori, chiamati a fronteggiare le innumerevoli problematiche derivanti dalla situazione di incertezza.
Proprio per questo, è stata ribadita la necessità di procedere con immediatezza alla individuazione del nuovo Responsabile della Rete, il quale – sempre secondo il Sindacato – dovrà possedere specifiche competenze di settore, ed essere preferibilmente individuato fra le risorse interne.
Tra le altre cose, le scriventi OO.SS. hanno poi richiesto all’AD certezza nella tempificazione dei progetti strategici e nella predisposizione dei contenuti del nuovo Piano Industriale, il quale dovrà tenere conto dei pesanti sacrifici sostenuti sino ad oggi dai Dipendenti, indirizzandosi verso altre forme di contenimento dei costi e di aumento della redditività.
Le OO.SS. hanno poi nuovamente sottolineato l’insostenibilità dell’attuale livello delle retribuzioni dei ruoli apicali aziendali, ribadendo la necessità di una drastica riduzione delle stesse, legandola ovviamente al contesto di riferimento, in cui tutti i Lavoratori della Banca sono chiamati a sostenere ingenti sacrifici anche di natura contrattuale ed economica.

L’Amministratore Delegato ha condiviso con le OO.SS. l’opportunità di procedere celermente verso la individuazione di soluzioni strategiche ed industriali definite, trasparenti, e soprattutto di lungo periodo, rendendosi disponibile ad un confronto serrato in tempi molto rapidi.
L’AD ha inoltre affermato di voler effettuare un percorso di attenzione nei confronti della Rete, attraverso l’attuazione di specifici processi comunicativi indirizzati ai diversi ruoli operativi, e visite mirate sui Territori.
Infine, con riferimento al tema delle retribuzioni del Top Management, il Direttore Morelli si è impegnato a dare in tempi brevi segnali concreti sia a titolo personale, sia per quanto riguarda i suoi più diretti collaboratori.