Prima pagina

Mps, i sindacati: “Non vogliamo sentir parlare di licenziamenti, usiamo il fondo di solidarietà”

Lungo CdA ieri per Banca Mps che ha visto protagonista l’amministratore delegato Marco Morelli, impegnato nella complessa trattativa del rilancio della Banca. Al centro della discussione il tema scottante dei dipendenti e gli esuberi previsti nel piano industriale che saranno intorno a 5000, spalmati in cinque anni, con l’obiettivo di riuscire a coinvolgere il maggior numero di lavoratori nelle uscite con il fondo di garanzia. La posizione dei sindacati infatti è chiara, come ha ribadito stamani ai microfoni di ARE Antonio Damiani della Fisac Cgil: “Noi non ci tiriamo indietro a trattare sul piano industriale, sul quale siamo stati molto chiari: deve essere un piano del rilancio commerciale della banca che deve tornare a fare reddito, che non sia basato solo sui costi, ma su politiche commerciali. E siamo disposti a trattare nell’ambito delle norme previste dal contratto nazionale e per quanto riguarda gli esuberi su numeri che sono compatibili con l’utilizzo del fondo di solidarietà di settore. Non vogliamo neanche sentir parlare di licenziamenti, ma vogliamo continuare ad usare il fondo di solidarietà che ha già dato risultati”.

RADIO STREAMING POPUP

Ad

hit in testa

ESTRA NOTIZIE

Meteo

Meteo Siena