Prima pagina

Mps: Atlante 2, l’Adepp dice “Sì”. Valentini: “Il tempo delle dichiarazioni è finito”

Atlante2 è realtà. Il fondo che servirà da paracadute del Monte dei Paschi di Siena nasce grazie all’approvazione da parte dell’associazione degli enti privati di previdenza, di un investimento preventivo totale da 500milioni di euro che dovrà essere deliberato da ogni singola cassa (19 in tutto n.d.r.). L’Adepp ha deliberato di “sostenere l’iniziativa Atlante 2″ per il salvataggio bancario così come richiesto dal governo dopo l’incontro dello scorso giovedì tra la delegazione dell’associazione previdenziale, il premier Matteo Renzi ed il ministro dell’economia Pier Carlo Padoan. Il nuovo fondo di Quaestio sgr di circa 3-4 miliardi di euro sarà dedicato soltanto all’acquisto e alla gestione dei Non performing loans che pesano sui bilanci delle banche italiane, ovvero dei così detti crediti deteriorati per i quali la riscossione è incerta tanto da un punto di vista delle scadenze quanto dell’ammontare. Secondo quanto si legge sul Corriere della Sera “parteciperanno il capitale di Atlante2, oltre alle Casse previdenziali, la Cassa Depositi e Prestiti, Sga e lo stesso Fondo Atlante, che apporterà 1,2 miliardi di euro. Appaiono vicini all’adesione anche Unicredit, Unipol e Generali”.
Un’approvazione quella di Atlante 2 che potrà risultare decisiva per trovare una via d’uscita ai problemi del Monte dei Paschi. Nel frattempo l’ad di mps Fabrizio Viola sarebbe stato segnalato alla Bce, probabilmente per definire il piano di salvataggio di cui la banca avrebbe discusso la scorsa settimana.

Ha parlato della situazione MPS il sindaco di Siena Bruno Valentini, attraverso un comunicato stampa diramato questo pomeriggio: queste le sue parole.

“Il tempo delle dichiarazioni è finito, adesso servono i fatti per dare stabilità a Banca Mps. E’ chiaro per tutti che ogni ritardo danneggia ulteriormente la credibilità del sistema bancario ed espone le banche quotate in Borsa ad azioni di speculazione. Le autorità monetarie hanno prima lanciato il sasso e poi non hanno contribuito ad individuare le soluzioni definitive che garantiscano la stabilità che a parole si dice voler perseguire, ma che invece si allontana fomentando la sfiducia dei risparmiatori, la paura dei mercati e l’aggressività della finanza d’assalto. I risparmiatori, voglio ribadirlo ancora una volta, non possono pagare per colpe che non hanno.
Non ha alcun senso arrivare a ridosso della scadenza del 29 luglio, per trovare soluzioni con analoga efficacia a quelle che pochi anni fa sono state utilizzate per mettere in salvaguardia le banche di altri Paesi, alcune delle quali sono tuttora esposte pesantemente sul fronte dei derivati.
A che serve l’Europa se in una situazione eccezionale come questa pretende l’impossibile in un tempo così ristretto? La Banca Monte dei Paschi di Siena è una delle maggiori banche italiane e ha saputo ristrutturarsi pesantemente anche col concorso dei dipendenti, tornando in utile e restituendo allo Stato italiano -come nessuno ha mai fatto-  4 miliardi di euro gravati da interessi da usura. Banca MPS è ormai da anni libera da ogni condizionamento politico e mentre ha resistito ad ogni bufera grazie alla fiducia dei clienti, dei lavoratori e di chi ha sottoscritto gli aumenti di capitale, rischia davvero solo davanti alla miopia dei regolatori, che fra l’altro in passato non seppero controllare l’incauto acquisto di Banca Antonveneta.
Si processino pure, senza pietà alcuna, i malfattori che hanno governato Banca MPS, ma dal modo con cui l’Italia e l’Europa sapranno affrontare, una volta per tutte, questa questione dipende la credibilità del sistema bancario e quindi dell’economia italiana”.

RADIO STREAMING POPUP

Ad

hit in testa

ESTRA NOTIZIE

Meteo

Meteo Siena