Morte di David Rossi, Scarselli: “Servono i risultati di molte perizie per stabilire le cause del decesso”
24 Nov, 2016
MPS: SI UCCIDE DAVID ROSSI, CAPO AREA COMUNICAZIONE

Serviranno i risultati di molte perizie per stabilire le cause della morte di David Rossi, l’ex responsabile della comunicazione di Banca Mps deceduto il 6 marzo del 2013 dopo essere precipitato dalla finestra del suo ufficio a Rocca Salimbeni. Per il momento da alcune indiscrezioni è emerso che non sono state trovate tracce di Dna di altre persone sotto le unghie di David, la cui salma è stata riesumata nello scorso mese di aprile, ma questo non chiude il caso. Anzi si attendono i risultati delle consulenze tecniche, sia quelle di anatomia patologica curate dalla professoressa Cattaneo presso il laboratorio Labanof di Milano, sia quelle svolte dal colonnello Zavattaro del Ris sulla parte che riguarda la dinamica. Inoltre i legali della famiglia, proprio nella giornata di oggi, hanno chiesto l’acquisizione di nuovi elementi, dopo l’attenta analisi di alcuni reperti tecnici. “Le indagini non sono affatto concluse – ha confermato ai nostri microfoni Luca Scarselli, uno dei periti della famiglia Rossi – questa del dna riportata sul giornale è solo una parte degli accertamenti che devono essere fatti, il dna è stato analizzato non solo sulle unghie. Mi sono molto meravigliato di questa notizia, che riguarda un’attività svolta dal Ris nello scorso mese di ottobre, perchè spesso la famiglia è stata accusata di aver rivelato segreti istruttori e questo mi sembra un segreto istruttorio non di poco conto”.