Prima pagina

Monteroni: scuole dell’infanzia, una soluzione per le liste di attesa

“Sempre più necessaria una programmazione di lungo termine per l’accesso ai servizi scolastici e per l’infanzia. Nei giorni scorsi, per garantire l’accesso all’istruzione ai bambini in lista d’attesa alla scuola di Tressa, siamo intervenuti dando la possibilità alle famiglie di far frequentare ai bambini la scuola per l’infanzia statale di Radi con un affiancamento di personale in più a spese dell’amministrazione comunale”.

L’assessore all’Istruzione del Comune di Monteroni d’Arbia Giulia Timitilli interviene riguardo alle iscrizioni per il prossimo anno alla scuola comunale di Ponte a Tressa. A dodici bambini fino ad oggi in lista d’attesa è stato proposto, grazie alla collaborazione con la dirigente scolastica del territorio, l’accesso alla scuola statale di Radi. L’amministrazione si occuperà del trasporto scolastico oltre ad aver individuato una unità di personale da collocare in questa scuola per affiancare le insegnanti presenti.

“Il problema maggiore – interviene il sindaco Gabriele Berni – sarà nei prossimi anni. Le scuole del nostro territorio infatti riescono a coprire i bisogni delle famiglie ma la loro distribuzione sul territorio comunale non è in linea con l’andamento demografico della popolazione. Probabilmente in passato avremmo dovuto puntare maggiormente sullo sviluppo delle strutture scolastiche a nord del territorio anziché a sud. Oggi cerchiamo di intervenire con due obiettivi: limitare al massimo le liste di attesa e offrire un servizio fondamentale anche supplendo al ruolo dello Stato, non sempre attento ai bisogno dell’infanzia e delle famiglie. Allo stesso tempo considerati i limiti di spesa imposti dal bilancio e soprattutto dal patto di stabilità ci adoperiamo per portare a compimento i progetti rimasti sospesi sulle nostre strutture scolastiche”.

“Ci rendiamo conto – conclude Timitilli – che per alcune famiglie la soluzione che gli prospettiamo non sarà quella maggiormente gradita, ma siamo tutti consapevoli di aver fatto il possibile per soddisfare il diritto di questi dodici bambini all’istruzione. Siamo noi quelli più vicini ai cittadini, ai loro bisogni ed abbiamo quindi la responsabilità di promuovere i servizi necessari alla crescita individuale dei piccoli. Da parte nostra garantiamo i servizi consapevoli che le graduatorie di accesso sono trasparenti, basate su criteri chiari, uguali per tutti e stabiliti dal nostro regolamento. Con questo spirito abbiamo anche incontrato ed informato i genitori dei bambini interessati. Il nostro è un territorio in continua crescita, e questo è un bene, il nostro impegno sarà nel reperire risorse affinché si possa rispondere sempre più efficacemente ai bisogni nelle singole sezioni scolastiche”.

RADIO STREAMING POPUP

Ad

hit in testa

ESTRA NOTIZIE

Meteo

Meteo Siena