Monteroni: a dieci giorni dal nubifragio il punto sugli interventi in corso
2 Set, 2015
berni_grassi_sopralluogo

Strade, fossi ferroviari, tubature, caditoie, sottopassaggi, argini e ponti. È lungo l’elenco delle attività che in questi giorni il comune di Monteroni d’Arbia sta coordinando per ripristinare viabilità e vivibilità su tutto il territorio a seguito dell’alluvione del 24 agosto scorso. Tutte attività messe in campo tramite la procedura di “somma urgenza” esponendo l’amministrazione finanziariamente oltre le possibilità dettate dai vincoli di bilancio.

“Era inevitabile intervenire immediatamente per cercare di garantire la normalità sul territorio – spiega il sindaco Gabriele Berni – anche per prevenire nuove precipitazioni che purtroppo sono previste senza però poter prevedere la loro intensità. Siamo entrati in azione già dal giorno dell’alluvione e stiamo intervenendo seguendo un programma pensato anche grazie alle segnalazioni dei cittadini. Alcuni lavori li eseguiamo direttamente, altri sono in carico alla Provincia, altri al Consorzio di Bonifica ed altri ancora ai privati”.

Interventi in corso
In queste ore sono in corso interventi di ripulitura e rimessa in funzione di fossi, tombini e caditoie sulle strade, terminato lo spurgo nelle caditoie nei sottopassi con lo svuotamento delle fognature e delle vasche di accumulo dell’acqua piovana. In corso la manutenzione sulle strade bianche per assicurarne la corretta viabilità ad auto ed altri mezzi come i pulmini scolastici, visto che la ripresa delle scuole statali è programmata per il 14 settembre e gli asili comunali hanno già riaperto le porte. Interventi in corso anche al gorello, che ha subito due falle una sul ponticino di More di Cuna ed una prima del cosiddetto “mulinello”: al momento quindi la Gora di Monteroni non riceve acqua dal gorello a causa di questi danni subiti.
Sono stati poi effettuati dei sopralluoghi assieme ai tecnici di Rete Ferroviaria Italiana lungo tutto il percorso dei binari, per individuare le criticità rappresentate da attraversamenti sotterranei per il deflusso delle acque occlusi o da piante lungo il percorso. I lavori sul tratto ferroviario, compresi i fossi laterali, dovranno essere svolti in accordo con Rfi. Sui tratti stradali di competenza provinciale sono in corso i lavori di ripristino, ripulitura e verifica della stabilità. A lavoro anche il Consorzio di Bonifica, impegnato in queste ore al fosso di More di Cuna che si ricollega al fiume Arbia. Berni_sopralluogo1

Situazione delle strade
Riaperta nelle ultime ore la provinciale 34/a che collega Monteroni d’Arbia a Vescovado di Murlo, la strada era interrotta al ponte sul torrente Sorra nella zona di Quinciano. È stata verificata la struttura e riaperta al traffico, per adesso con senso alternato regolato da un semaforo. In corso lavori di ripulitura e verifiche tecniche anche ai ponti sulla provinciale che collega Monteroni a Radi e su quella tra Radi e Ville di Corsano, al momento i ponti restano chiusi, ma dopo questi primi lavori la situazione dovrebbe tornare alla normalità, maggiori sono le criticità riscontrate sul ponte sulla Fusola tra Radi e Ville di Corsano. Riaperte invece tutte le strade comunali che nei primi giorni erano state interrotte.

“Siamo consapevoli che le cose da fare sono ancora molte – conclude il sindaco Berni – e temiamo la pioggia segnalata nel fine settimana in quanto i nostri lavori di somma urgenza per ripristinare la sicurezza sono ancora in corso. Per le prossime precipitazioni e per il futuro abbiamo pensato di mettere a disposizione presso il piazzale della cooperativa La Popolare un cumulo di sabbia e rena, dove i cittadini potranno andare per riempire i propri sacchi che potranno risultare utili nel futuro in caso di forti precipitazioni”.