Minorenne ruba cioccolata al supermercato, la Polizia interviene
30 Nov, 2015
polizia

Anche rubare una cioccolata è reato. A sedici anni è possibile non esserne pienamente consapevoli?

E’ questa la domanda che probabilmente si è fatto il titolare di un noto supermercato di Siena, quando ha scoperto che un ragazzo della nostra città aveva cercato di oltrepassare le casse del suo negozio nascondendo uno snack nella giacca, senza pagarlo, attivando così il sistema antitaccheggio.

Il direttore ha, infatti, chiamato la Polizia e sul posto sono intervenuti gli agenti delle Volanti della Questura.

Quando i poliziotti sono arrivati al supermercato di Piazzale Rosselli, hanno subito capito che il titolare, in realtà, non aveva la minima intenzione di denunciare il minore, e che aveva richiesto il loro intervento più per un gesto dimostrativo nei suoi confronti.

L’uomo ha infatti voluto che gli agenti lo aiutassero a far capire al minorenne l’importanza del rispetto della legge e dei valori di cui soprattutto i giovani dovrebbero essere portatori, che vanno al di là del prezzo della cioccolata di appena due euro.

E così è stato. I poliziotti, con estrema franchezza e professionalità gli hanno parlato, evidenziando anche che avrebbe potuto essere denunciato per il reato commesso.

Poi hanno accompagnato il ragazzo in Questura, contattando la madre che è stata invitata negli uffici di via del Castoro.

Lì, appena arrivata, la donna si è scusata con gli agenti per il comportamento tenuto dal figlio, al quale ha fatto una sonora ramanzina.

A quel punto, compresa la gravità del gesto commesso, il giovane è stato riaffidato alla madre.