Micheli: “Risaneremo e rilanceremo il Partito democratico”
9 Gen, 2016
Silvana Micheli

Prima direzione provinciale del Partito democratico per il nuovo segretario del Pd Silvana Micheli. Tanti gli argomenti affrontati in una riunione molto partecipata e durata quasi tre ore.
Piano di risanamento ed indirizzi da seguire ed attuare per metterlo in pratica, sanità e riforma approvata in consiglio regionale, spostamento ad Arezzo della sede della nuova Asl di area vasta, tesseramento, prossime elezioni nei comuni di Chiusi e Trequanda sono stati gli argomenti affrontati nel discorso della segretaria provinciale e dibattuti dalla direzione. Alla fine il documento proposto da Silvana Micheli è stato votato all’unanimità.
La direzione provinciale è iniziata con il “ringraziamento al mio predecessore Niccolò Guicciardini – ha affermato Micheli – per il lavoro svolto e per l’impegno profuso durante il suo mandato”.
“Questa è la prima direzione per me nella funzione di segretario provinciale – ha proseguito Silvana Micheli – e non vi nascondo un pizzico di sincera emozione. Mi sento sulle spalle tutta la responsabilità del lavoro che vado a proporvi e che voglio portare avanti”.
Poi i temi. “Sono tre – ha affermato il segretario provinciale del Partito democratico – gli obiettivi che ci siamo dati per i prossimi due anni. Possono sembrare pochi, ma francamente sono molto impegnativi e delicati”.
Risanamento Al primo punto c’è il risanamento del bilancio del partito. Ed ecco come il debito verrà saldato, nelle intenzioni del Pd provinciale senese. In primo luogo il tesseramento avrà un ruolo cruciale per la spesa corrente. “La chiusura del tesseramento 2015 – si legge ancora nel documento – è stata prorogata al 31 gennaio e in queste ultime settimane dobbiamo tutti insieme fare uno sforzo ulteriore per raggiungere i risultati che hanno da sempre contraddistinto la nostra provincia rispetto ad altre realtà toscane e nazionali”. “Da oggi in avanti la spesa corrente sarà ridotta e coperta con il solo tesseramento”. Non ci sarà bisogno di un intervento straordinario dei circoli.
Spending review e risparmi sono previsti per attuare questo piano pluriennale. Una delle decisioni assunte riguarda il trasferimento della sede provinciale da via Rosi a viale Avignone. “Stiamo lavorando alacremente al trasferimento della sede del Coordinamento territoriale – ha affermato Silvana Micheli –, che ci consentirà un risparmio certo sulla spesa corrente così come avremo un risparmio certo sulle utenze e anche un’organizzazione più snella”. Altro discorso invece per il debito pregresso. “Insieme al segretario regionale Dario Parrini che voglio ringraziare sentitamente perché in questa partita così difficile non ci ha mai lasciati soli – ha affermato Silvana Micheli – abbiamo incontrato il tesoriere nazionale Francesco Bonifazi. Il quale ci ha manifestato la sua vicinanza personale unitamente all’impegno economico del Partito democratico nazionale per affrontare con noi questo concreto piano di risanamento pluriennale”. “Il debito pregresso stralciato concordemente con i fornitori e coperto in parte dal nazionale e in parte da nostri contributi volontari”.
“Ho svolto delle verifiche per avere il quadro certo della situazione delle contribuzioni, di chi dovrebbe, doveva e dovrà versare il proprio contributo al Partito come da regolamento. Mi è stato dato mandato di applicare – afferma Micheli –, come dice anche il Partito regionale, il Regolamento finanziario che prevede, in caso di mancato versamento del contributo, il ritiro della tessera con il conseguente decadimento dalla carica. Coloro che hanno assunto incarichi non possono venire meno alla fiducia che è stata loro accordata da tutti noi”.
Sanità Poi la sanità e la riforma approvata dal consiglio regionale della Toscana: “Il Partito democratico esprime grande soddisfazione per il lavoro svolto dal gruppo del Pd in consiglio regionale per essere riuscito nei tempi stabiliti a riformare la sanità toscana dando vita ad un riordino aziendale, puntando su nuovi servizi ed integrazioni tra ospedale e territorio. In particolare voglio ringraziare i nostri rappresentanti Stefano Scaramelli e Simone Bezzini. Vorrei spendere due parole su Stefano Scaramelli che nel difficile ruolo di presidente della commissione sanità ha guidato la riforma e la stesura del testo definitivo. Perché solo il testo definitivo ha visto raccolte le sollecitazioni del Partito di Siena in merito al ruolo di integrazione tra Azienda ospedaliera e territorio, ma soprattutto l’introduzione delle sedi operative oltre quelle legali eliminando il criterio del numero degli abitanti delle città. Come ricorderete ci siamo resi partecipi per primi alle iniziative che il gruppo regionale ha organizzato in Toscana e l’appuntamento di Siena è stato molto partecipato e costruttivo”. In direzione è stato richiesto un incontro da tenere nelle prossime settimane con il governatore della Regione Toscana, Enrico Rossi.
Sede Asl “Al contempo – ha affermato il segretario provinciale del Pd – il Partito democratico di Siena esprime rammarico e delusione per la scelta della giunta regionale che ha definito Arezzo quale sede transitoria dell’azienda sud-est. In Giunta siede un’assessora di Siena con la quale speriamo di iniziare a relazionarci in modo proficuo. Il Partito dà mandato ai nostri rappresentanti regionali di non fare sconti sul fatto che Siena sia baricentrica nel governo sanitario della nuova azienda, e luogo centrale del lavoro dei dipendenti della direzione, che venga rafforzato il ruolo nella erogazione dei servizi territoriali e che alle Scotte vengano quanto prima realizzati gli investimenti urgenti, oltre che mettere in atto politiche di valorizzazione di professionisti di fama puntando solo su talento e merito. Ci esprimeremo positivamente sulla governance solo se rassicurati sulla effettiva erogazione dei servizi e sul fatto che Siena abbia il governo sanitario della nuova azienda. Tanta è la soddisfazione per la realizzazione del pronto soccorso pediatrico a Siena ma si ritengono strategici gli investimenti su Nottola, Campostaggia, Abbadia e sulle strutture socio-sanitarie in area senese”.
Non sono mancati i ringraziamenti effettuati dal segretario provinciale ai parlamentari Susanna Cenni e Luigi Dallai per i risultati ottenuti sul tema delle alluvioni che hanno colpito il territorio e sulla bonifica delle miniere sull’Amiata.
L’impegno di Silvana Micheli si fonda anche in questa sua dichiarazione davanti alla direzione: “Non possiamo più permetterci di dare un’immagine litigiosa: dobbiamo essere i primi a dare l’esempio perché oggi a dominare è l’antipolitica”. Non c’è contrasto, ha affermato Silvana Micheli, tra generazioni e tra quelli che vengono definiti “vecchio” e “nuovo” modo di fare politica: “Moderni con cuore è la chiave di volta per affrontare a testa alta il rilancio della nostra azione politica. Ciò è possibile solo se remiamo tutti nella stessa direzione”.