Mens Sana, siglato trasferimento del settore giovanile alla Mens Sana Basketball Academy
12 Giu, 2019
Mens Sana panchina giovani

L’Amministratore delegato di Mens Sana Basket 1871 SSD a R.L. Massimo Dattile e il Presidente della S.S.D.S. Polisportiva Mens Sana 1871, Antonio Saccone, hanno siglato oggi un accordo per il trasferimento a titolo gratuito di tutti gli atleti tesserati nell’attuale settore giovanile, a favore della Società “Mens Sana Basketball Academy”.

Nell’accordo si specifica che qualora la Mens Sana Basket 1871 S.S.D. a R.L. possa partecipare in futuro ad un qualsivoglia campionato Senior che richieda quale requisito di partecipazione l’iscrizione ai campionati giovanili, Mens Sana Basketball Academy metterà a disposizione le proprie squadre giovanili sotto forma di “Società Satellite”; o, in alternativa, potrà procedere al prestito annuale degli atleti a titolo gratuito alla Società Mens Sana Basket 1871 qualora fosse richiesta, quale requisito fondamentale per la partecipazione al campionato Senior della Società Mens Sana Basket 1871, la partecipazione ad uno o più campionati giovanili di livello superiore a quello proposto dalla Mens Sana Basketball Academy.

“Questo accordo è stato stipulato con l’obiettivo di preservare l’intero patrimonio giovanile mensanino e intende garantire un futuro agonistico a tutti gli atleti, tutelandoli dagli eventuali risvolti negativi derivanti dalla difficile situazione societaria” spiega l’Amministratore delegato biancoverde Massimo Dattile.

“Sono soddisfatto di aver trovato una soluzione condivisa con la Polisportiva Mens Sana 1871, che per questo ringrazio: mentre continuano ad esserci difficoltà per il piano di risanamento societario, si chiude invece in maniera positiva il percorso di tutela e salvataggio del settore giovanile che dall’inizio del mio mandato avevo indicato come priorità assoluta – prosegue Dattile -. Ora resta da chiudere la partita relativa ai compensi maturati dai dipendenti della Mens Sana Basket nel corso della stagione sportiva e che, ad oggi, risultano saldati dalla proprietà solo in minima parte”.

“Il mio impegno in questa direzione è quotidiano, al fine di trovare un accordo soddisfacente per i dipendenti della Società che con professionalità e amore per questi colori hanno lavorato e, in un caso, continuano a lavorare in condizioni oggettivamente molto difficili. Dopo di che – afferma ancora l’ AD biancoverde – potrò sicuramente considerare concluso il mio mandato posto che le promesse da parte dei Soci di mettere a disposizione le risorse minime per avviare, seppur in pendenza procedurale, il piano di risanamento individuato si sono dimostrate assolutamente prive di ogni fondamento”.