Meningite, Saccardi: “Rivedremo il calendario delle vaccinazioni”
24 Nov, 2016
stefania-saccardi-ass-reg-salute

E’ fuori pericolo il bambino di 8 anni di Collesalvetti (Li) ricoverato due giorni fa al Meyer di Firenze per una meningite di tipo C. Il piccolo ha risposto bene alle cure anche perché era stato vaccinato nel 2009, il che ha ridotto gli effetti dell’infezione. Il vaccino rimane al momento l’unico rimedio contro la malattia che in Toscana ha fatto registrare un’impennata negli ultimi due anni, e comunque ne attutisce gli effetti, come ribadito dall’assessore toscano alla salute Stefania Saccardi, che ha annunciato anche come la Regione stia studiando con la Commissione regionale vaccini, la ridefinizione del calendario vaccinale per “ripetere e richiamare la vaccinazione in modo da garantire una copertura maggiore”. “I nostri esperti – ha spiegato Saccardi – sono al lavoro per valutare come provare a ripetere, per lo meno per l’età da 0 a 18-20 anni, le vaccinazioni. Evidentemente, soprattutto nei bambini serve richiamare la vaccinazione in tempi più frequenti, invece di aspettare 10 anni”. Intanto l’assessore ha rinnovato l’invito ad aderire alla campagna straordinaria di vaccinazione anti-meningite lanciata ad aprile 2015. In totale finora si sono vaccinati in 717 mila, circa un quarto dei toscani. “Ancora troppo poco, soprattutto nella fascia 11-20 anni” ha ammesso l’assessore parlando della revisione del calendario vaccinale.

Solo nelle ultime 48 ore in Toscana è aumentata di dieci volte la richiesta del vaccino contro il meningococco C. In particolare è accaduto all’indomani del decesso avvenuto lo scorso lunedì di una paziente che aveva aveva contratto l’infezione meningococcica e non si era vaccinata. Gli appuntamenti al momento non sono esauriti: alle ore 14 di ieri erano 977 i posti disponibili e prenotabili attraverso il Cup aziendale. In particolare nell’area fiorentina è ancora possibile vaccinarsi nei seguenti presidi: distretto di Grassina, presidio territoriale Le Piagge, via dell’osteria 8, poliambulatorio Lungarno Santa Rosa n.8, presidio di San Salvi. Nell’area pistoiese a Villa Ankuri, nella sede di Massa e Cozzile, ed a Prato al dipartimento della prevenzione. In totale gli appuntamenti prenotati sono stati, sempre a ieri, 1819 su una disponibilità di 2.796 appuntamenti. Ieri sera si è inoltre riunita la task force aziendale istituita dall’inizio dell’anno nella AUSl Toscana centro per coordinare in maniera integrata le azioni della campagna su tutti i territori.