L’UPP Poggibonsese calcio diventa scuola élite. Firmato l’accordo con la Virtus Entella di Chiavari
2 Nov, 2017
Upp Poggibonsi calcio giovanile

Iniziata da poco la nuova stagione calcistica 2017/2018 del settore giovanile, la scuola elite della Poggibonsese Calcio, da quest’anno annuncia la sua collaborazione con la Virtus Entella, società professionistica di Chiavari che milita in serie B.
«Questa affiliazione è un importante passo nel percorso che abbiamo intrapreso per valorizzare al meglio la nostra scuola calcio – spiega il presidente della Poggibonsese Calcio Marco Verdiani – e offrire ai nostri giovani, oltre che ad un ambiente sano e ad ottimi impianti sportivi, anche istruttori validi, costantemente aggiornati e supervisionati da tecnici del mondo professionistico.
L’accordo prevede infatti una costante tecnica e stage formativi diretti dai tecnici dell’Entella, periodici raduni di scouting per gli atleti e la partecipazione delle nostre squadre a tornei organizzati dalla società di Chiavari.
Ricordiamo con piacere la partecipazione dei ragazzi anno 2005 della Virtus Entella al nostro torneo della FESTA DELLO SPORT, tenutosi I primi di settembre nei nostri impianti sportivi, che si è concluso con un ottimo secondo posto per i nostri ragazzi della Poggibonsese, dopo una grande prova con i professionisti dell’Entella.
Periodo propizio per questo gruppo che si è distinto anche durante il torneo disputato, alla Pietà di Prato, dove classificandosi al primo posto nel proprio girone si è aggiudicato la possibilità di disputare la fase finale nel mese di dicembre.
Con preghiera di pubblicazione/diffusione.

Nella foto: la squadra 2005 classificatasi seconda alla Festa dello Sport.
Da sinistra in piedi: Mister Donato Taurone, Christian Nastri, Aldin Hodza, Tommaso Volentieri, Lorenzo Cervelli, Stefano Capocchini, Niccolò Signorini, Dario Dainelli, Theo Fiaschi, Francesco Ammannati, Mister Enzo Di Meglio, in basso da sinistra : Andrea Ulivieri, Mario Angelo Ghita, Lorenzo Porcelli, Sandro Mancini, Giovanni Amoroso, Gregorio Corti, Vittorio Sozio, Gabriele Minetto e Matteo Guglielmucci.