La Virtus va a Montecatini
3 Nov, 2018
Spinello

Reduce dalla prima vittoria stagionale in casa contro Pavia, la Sovrana Pulizie è pronta ad affrontare la trasferta di Montecatini, per affrontare il Montecatiniterme Basketball.
La squadra di coach Tonfoni è reduce da una sconfitta a Piombino. Con 4 punti raccolti in 5 partite, frutto delle vittorie con Alba e Vigevano, Montecatini si trova a 2 punti dalla Virtus, che con una vittoria potrebbe raggiungere quindi in classifica proprio i termali.
Le squadre si erano già affrontate in prestagione, nella semifinale del Memorial Cardelli: in quella occasione fu Montecatini ad avere la meglio su una Virtus piena di assenze.

Ecco le parole dell’assistente allenatore della Virtus Andrea Spinello in vista della prossima partita.

Prima vittoria in campionato la scorsa settimana contro Pavia. Come è arrivata?

«Sabato è andata bene. Pavia si è presentata come una squadra con molta esperienza ma senza ritmo, e siamo riusciti a metterli in difficoltà tenendo noi un buon ritmo. Siamo riusciti a portare il nostro ritmo fino in fondo, anche se nel quarto quarto hanno messo loro la testa avanti di qualche punto, ma siamo stati bravi a non ricadere nel tunnel, a non mollare, a differenza delle scorse partite, ed alla fine siamo riusciti a vincere la partita».

Testa ora alla trasferta di Montecatini. Quali sono le caratteristiche dei termali?

«Montecatini è una squadra totalmente diversa, sono tutti ragazzi giovani e giocano ad un ritmo molto alto, molto simile al gioco di San Miniato. In casa soprattutto riescono sempre ad imporre il proprio ritmo. Dovremo essere bravi a schierarli a metà campo e non farli andare in transizione. Gli elementi di spicco sono sicuramente Meini, Migliori e Cipriani, senza però dimenticare Moretti, un ragazzo giovane molto interessante che sta facendo un ottimo campionato, Giorgi e Maresca».

Quale sarà la chiave della partita?

«La chiave della partita sarà riuscire a fare un’ottima transizione difensiva per cercare di portarli ad attaccare una difesa schierata a metà campo, e successivamente stare attenti a Migliori, il giocatore sul quale spesso si appoggiamo in situazioni di emergenza, che è molto bravo a trovare il tiro in uscita dal blocco. Saranno importanti quindi anche le difese sui blocchi lontani dalla palla e sui pick».