La Tari costa meno a Gaiole in Chianti
3 Apr, 2017
raccolta-differenziata-cassonetti

Si abbassano le tariffe della Tari per le famiglie di Gaiole in Chianti: il Consiglio comunale ha approvato le modifiche al regolamento in materia di tassa sui rifiuti e il piano finanziario sul servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani.

Queste le principali novità:

Sconto in bolletta del 20% sulla TARI per chi fa compostaggio domestico

E’ previsto uno sconto in bolletta del 20% sulla TARI, per chi fa compostaggio domestico. “L’anno scorso la riduzione era del 15% – spiega il sindaco Michele Pescini – dal 2017 passa al 20% per chi sceglie di fare il compost domestico. Gli obiettivi di questo sistema premiante sono da un lato incentivare e qualificare la raccolta differenziata, dall’altro far passare un messaggio di educazione ambientale. Incentivare il compostaggio domestico consente, infatti, di ridurre sensibilmente le quantità di rifiuti avviati allo smaltimento in discarica e agli impianti di recupero.”

Possibilità di presentare un’autocertificazione sui componenti del nucleo familiare

Il calcolo della Tari non si farà più esclusivamente sulla base della metratura catastale ma anche tenendo conto del numero effettivo di persone che utilizzano l’abitazione: da quest’anno il Comune introduce la possibilità per i proprietari di abitazioni, non risidenti a Gaiole, di presentare autocertificazione attestante il numero dei componenti del nucleo familiare. Per i cittadini residenti verrà applicata la tariffa sulla base del nucleo familiare risultante dal registro anagrafico. Anche questo porterà riduzioni in bolletta.

Per le squadre di caccia al cinghiale uso gratuito di appositi cassonetti per lo smaltimento degli scarti di macellazione

Gaiole in Chianti è l’unico comune del comprensorio che nei mesi invernali mette a disposizione delle 5 squadre di caccia al cinghiale che operano sul territorio l’uso gratuito degli appositi cassonetti per lo smaltimento degli scarti di macellazione. Un servizio che viene riconfermato anche nel 2017.

“Il piano finanziario sul servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani, quest’anno vede una riduzione dei costi a carico del Comune di 11mila euro – spiega il sindaco Michele Pescini – siamo passati dai 585mila euro del 2016 ai 574mila euro del 2017. Un risparmio ottenuto attraverso un’attenta revisione dei punti di raccolta dei cassonetti che ci ha consentito di spendere meno e quindi di andare a ridurre la tariffa in bolletta per tutti, utenze domestiche e non. Il risparmio sarà maggiore per le famiglie. A fronte di un sensibile calo delle tariffe i servizi rimarranno gli stessi. Anche queste scelte concorrono a garantire una migliore qualità della vita per chi abita a Gaiole o per chi viene in vacanza”.