“La Santa dell’Oca. Vita, morte e miracoli di Caterina da Siena”
20 Ago, 2014
copertina la santa dell'oca_429x600

Venerdì 22 agosto, alle ore 18.00, nella sala delle Vittorie della Nobile Contrada dell’Oca, si terrà la presentazione del libro La Santa dell’oca. Vita, morte e miracoli di Caterina da Siena. Un incontro per parlare di un testo che percorre la vita di Caterina da Siena, patrona d’Italia e d’Europa, prima donna a essere proclamata, nel 1970, dottore della Chiesa, ma anche donna forte e radicata nella vita della sua contrada.
A introdurre l’incontro con Roberto Barzanti e Senio Sensi, il Governatore della Nobile contrada dell’Oca, Fulvio Bruni. In questo testo troviamo tutta la vicenda umana di Caterina, straordinaria, enigmatica.
Alessandro Falassi cerca di penetrare l’involucro della leggenda per provare, di fronte alla figura
della Santa, profondo stupore e persino sgomento. Dagli inconcepibili digiuni, alle estasi, ai sogni;
da Caterina allattata dalla Madonna, a Caterina che immerge il pane nel costato di Gesù e lo
mangia intriso di sangue, da Caterina che con dura familiarità si rivolge ai pontefici e potenti della
terra, ora vezzeggiandoli ora fulminandoli, a Caterina donna del popolo e della comunità,
profondamente radicata nella sua Siena, nella sua Contrada (l’Oca), nel suo rione di Fontebranda;
tutto qui è l’esperienza limite, violenta eccezione.
‘L’idea di ripubblicare questo testo, esaurito da oltre 15 anni – ci racconta l’editore Luca Betti –
nasce dal desiderio di raccontare Caterina in maniera diversa. In queste pagine ho trovato
un’analisi della vita della Santa non da un punto di vista agiografico, ma come complesso
fenomeno umano e antropologico.’
Ricostruendo la biografia di Caterina, che vive nelle testimonianze coeve e nella memoria della sua
gente, Falassi ha scritto un libro in cui le moderne interpretazioni delle scienze psicologiche e
antropologiche, non distruggono l’incanto, la meraviglia, il fuoco di un destino ineguagliabile.
Una donna dolcissima e agitata da un fuoco straordinario… un paradosso vivente, una figura che
trascende la storia del suo tempo.