La risata contagiosa di Goethe, Mozart e Cimarosa negli Appuntamenti a Palazzo Chigi Saracini
13 Apr, 2016
siena_accademia_chigiana

Il grande compositore napoletano Domenico Cimarosa sarà il protagonista dell’Appuntamento a Palazzo di giovedì 14 aprile alle ore 21 nel Salone dei concerti di Palazzo Chigi Saracini (a Siena in via di Città 89). Un viaggio attraverso i secoli in compagnia di Markus Engelhardt, direttore della sezione di storia della musica presso il Deutsches Historisches Institut di Roma, e Roberto Venuti, professore di letteratura tedesca all’Università di Siena. Ma il cammino non sarebbe possibile senza le musiche eseguite dai partecipanti al FRANCI OperaLab, un progetto nato dalla collaborazione dell’Istituto Franci con l’Accademia Chigiana proprio in occasione delle celebrazioni in memoria del Conte Chigi. Diretti dai maestri Laura Polverelli e Paolo Micciché, con la collaborazione al pianoforte di Laura Pasqualetti, i giovani cantanti eseguiranno arie e scene dall’intermezzo L’impresario in angustie di Cimarosa, le versioni tedesche di Goethe, insieme ad alcuni brani da Schauspieldirektor di Mozart e tanta altra musica dell’epoca.

Goethe e Cimarosa erano coetanei, nati entrambi nel 1749. Il conte Guido Chigi Saracini, insieme all’accolita dei suoi sodali, fra cui Sebastiano Arturo Luciani, avevano deciso di celebrare il bicentenario dedicando al compositore napoletano la VI Settimana Musicale Senese con la messa in scena di alcuni suoi intermezzi. Su Goethe e Cimarosa fu preparato un saggio da Franco Schlitzer. Ma l’inagibilità del Teatro dei Rinnovati costrinse a rimandare tutto all’anno dopo. Così, contestualmente alla VII Settimana Musicale che correva dal 16 al 22 settembre 1950, vide la luce il saggio di Schlitzer, da cui oggi prendiamo spunto per continuare la nostra esplorazione nel mondo del conte Guido e della sua compagnia di artisti e intellettuali.

Per la realizzazione di questo appuntamento, un ringraziamento particolare a Vincenzo De Vivo e alla Fondazione Pergolesi Spontini di Jesi.

L’ingresso è libero. Per informazioni: www.chigiana.it