ITS ‘Energia e Ambiente’ scommette sui giovani con 37 nuovi tecnici green
21 Giu, 2017

Sono trentasette i ragazzi che domani, mercoledì 21 giugno saranno congedati come “Tecnici superiori per la gestione e la verifica di impianti energetici” dopo aver frequentato i corsi biennali di formazione post diploma promossi dalla Fondazione ITS ‘Energia e Ambiente’. La cerimonia è in programma alle ore 10 nella sede di Colle di Val d’Elsa (Viale G. Matteotti 15) e vedrà protagonisti 37 diplomati, di cui 18 della terza edizione del corso e 19 della quarta edizione, concluse, rispettivamente, a dicembre 2015 e a gennaio 2017. Nel corso della mattina, saranno consegnati anche i premi istituiti grazie al contributo della Banca Cras per i migliori progetti realizzati dagli studenti del biennio 2014-2016 nel corso degli stage effettuati in aziende del settore e previsti dal percorso di formazione specializzata.

“La consegna dei diplomi – afferma il presidente della Fondazione ITS ‘Energia e Ambiente’, Luciano Carapelli – saluta ufficialmente la fine di due bienni di specializzazione, che rappresentano la terza e la quarta edizione del corso per ‘Tecnico superiore per la gestione e la verifica di impianti energetici’ promosso dalla nostra Fondazione. Tra i trentasette giovani diplomati, oltre il 60 per cento ha già un’occupazione coerente con il percorso di studi svolto. Tengo, in particolare, a sottolineare che gli studenti del biennio 2014-2016 hanno trovato lavoro nel settore di riferimento a soli quattro mesi dal termine del corso. Un risultato – conclude Carapelli – che consolida il trend positivo avviato negli anni scorsi con la formazione specialistica proposta dal nostro ITS nel settore delle energie rinnovabili e che conferma l’importanza della sinergia fra l’ITS e le aziende. Ampliare le competenze di giovani tecnici specializzati per trasferire l’innovazione tecnologica alle aziende presenti sul territorio grazie a percorsi didattici condivisi e focalizzati sui temi dell’energia e dell’ambiente, è stata e continua a essere una nostra priorità”.

“Lo studio e i giovani – ricorda il Direttore Mercato di Banca Cras, Lorenzo Cantelli – sono due settori su cui Banca Cras pone la massima attenzione ormai da decenni, grazie alle borse di studio – dalla prima edizione ne sono state assegnate ben 1.650 – al sostegno diretto alle scuole e ai progetti speciali, come quello della Fondazione ITS ‘Energia e Ambiente’ che aggiunge un altro tema molto caro alla banca, quello delle energie rinnovabili. Già nel 2006 avevamo promosso il convegno regionale ‘Energie rinnovabili: risparmio, opportunità e soluzioni’, una tavola rotonda per mettere a fattore comune le informazioni e le prospettive di un settore che iniziava il suo precorso di crescita in quegli anni: quella visione del futuro ci è confermata dal successo dei giovani che si sono dedicati a questa specializzazione”.