ITS ‘Energia e Ambiente’: 42 giovani in arrivo da Toscana, Lazio e Campania per partecipare ai corsi biennali
4 Gen, 2017
ITS Palazzone e pannelli_800x533

Quarantadue giovani in arrivo da Toscana, Lazio e Campania, pronti a costruire il loro futuro puntando su una formazione di alta specializzazione nel settore delle energie rinnovabili e del risparmio energetico. Sono i ragazzi e le ragazze che hanno scelto la Fondazione ITS, Istituto tecnico superiore ‘Energia e Ambiente’ della Toscana dove, nelle scorse settimane, sono partiti due corsi biennali post diploma. Il primo formerà tecnici superiori per il risparmio energetico nell’edilizia sostenibile, è alla sua prima edizione ed è composto da venti partecipanti. Il secondo, alla sesta edizione, prevede ventidue partecipanti e formerà tecnici superiori per la gestione e la verifica di impianti energetici.

Diciotto diplomati del biennio 2014. I corsi, gratuiti e finanziati dal POR FSE 2014-2020, ASSE A Occupazione e inseriti nell’ambito di Giovanisì, il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani, daranno continuità alle attività della Fondazione ITS ‘Energia e Ambiente’, che nelle prossime settimane diplomerà i prossimi 18 studenti giunti al termine del corso biennale per tecnico per la gestione e la verifica di impianti energetici partito nel 2014 e pronti a sostenere l’esame di qualifica rilasciato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Una formazione strategica che punta su competenza e professionalità. I corsi promossi dalla Fondazione ITS ‘Energia e Ambiente’, unico ITS in Toscana nell’area dell’efficienza energetica e coordinatore della rete nazionale degli ITS nell’ambito della green economy, puntano a sviluppare figure professionali altamente specializzate nelle energie rinnovabili e nell’efficienza energetica. Il percorso formativo viene sviluppato insieme alle aziende del territorio e prevede oltre 1.000 ore di attività in aula e nei laboratori, visite didattiche nel settore energetico e 700 ore di stage, pari a sei mesi, in imprese italiane ed estere. L’alternanza scuola-lavoro, punto di forza degli ITS, rafforza la crescita personale e professionale degli allievi e li rende competitivi e capaci di rispondere alle richieste occupazionali e alle esigenze delle imprese in un ambito economico in continua evoluzione.

Occupazione e sviluppo. Il ruolo strategico della formazione ITS viene confermato anche dai dati riferiti ai cinque anni di attività della Fondazione ITS ‘Energia e Ambiente’ della Toscana che, dalla sua nascita nel 2011 a oggi, ha visto oltre il 70 per cento dei diplomati occupati e con lavoro coerente con il percorso di studi fatto. Dati in linea con quelli diffusi recentemente dalla Regione Toscana, dove il 94 per cento degli studenti che hanno frequentato i corsi ITS nelle strutture toscane risulta occupato a 6 mesi dal conseguimento del diploma, mentre il 72 per cento lo è dopo un anno.