Isola d’Arbia, provoca disordine dopo una lite: denunciato per danneggiamento
27 Apr, 2016
INCHIESTA SICUREZZA

Ha danneggiato gli arredi dell’abitazione della fidanzata, rompendo piatti e bicchieri dopo una lite con lei e il padre infermo, ma è stato denunciato dalla Polizia. I poliziotti delle Volanti della Questura di Siena sono intervenuti per due volte nella stessa serata a Isola d’Arbia, a casa del padre della donna, 66enne della provincia di Siena, per calmare gli animi.

La prima alle ore 21.05 circa, quando a seguito della segnalazione di una lite familiare giunta al 113 gli agenti hanno trovato l’abitazione completamente in disordine, con numerosi cocci e frammenti di vetro a terra e tutti e tre, padre figlia e fidanzato di lei, in stato di agitazione. Lo straniero, marocchino di 34 anni, regolare sul territorio nazionale, è stato identificato e subito calmato, date le condizioni in cui si trovava. L’uomo aveva tra l’altro una vistosa ferita alla mano ma non ha voluto essere curato, rifiutando categoricamente l’intervento dei sanitari del 118, che sono stati comunque chiamati dalla Polizia per assicurarsi dello stato di salute sia della donna che del padre infermo. Entrambi erano in buone condizioni, a parte lo stazionario quadro di infermità dell’anziano.

A seguito del primo intervento, durato circa un’ora, una volta calmati gli animi ed effettuati i dovuti accertamenti, i poliziotti hanno parlato con lo straniero convincendolo ad allontanarsi, dato che lui stesso era sembrato determinato a trascorrere la notte fuori casa per rasserenarsi. Gli agenti hanno quindi ripreso la normale attività di controllo del territorio.

Alle ore 23.15 un’altra chiamata è giunta alla Sala operativa della Questura e subito gli stessi poliziotti sono intervenuti nell’abitazione di Isola D’Arbia. Il marocchino si era ripresentato in casa e non voleva saperne di trascorrere la notte fuori, ma l’anziano proprietario non gradiva la sua presenza, stanco delle continue discussioni e minacce che si protraevano da qualche tempo con il compagno della figlia 39enne, dovute probabilmente anche a ferquenti richieste di denaro.
Il 66enne, ha voluto quindi sporgere denuncia per i danneggiamenti subiti nell’appartamento, che è stata raccolta sul posto dall’ufficiale di polizia giudiziaria della Volante, dato il suo stato d’infermità che non gli consente di muoversi dal letto.
L’uomo è stato pertanto accompagnato in Questura e al termine dei riscontri necessari denunciato per danneggiamento aggravato. Gli agenti si sono poi assicurati che non tornasse nell’abitazione della fidanzata, verificando che lo stesso trascorresse la notte da un amico in città.