Inchiesta Ato sud, la Regione Toscana costituirà una commissione d’inchiesta
11 Nov, 2016
Enrico-Rossi

“Se ci sono episodi come quelli emersi nell’Ato sud della Toscana è bene che emergano. La nostra linea sulle gare è stata sempre semplice: vinca il migliore. E se c’è stato qualche ladrocinio o si sono turbate le gare è bene che la magistratura faccia il suo corso”. Questo il commento del presidente Erico Rossi sulla gara per l’affidamento a un gestore unico della gestione dei rifiuti nell’Ato rifiuti Toscana sud, l’autorità di ambito sui territori delle province di Siena, Arezzo e Grosseto, vinta nel 2013 da Sei Toscana, raggruppamento temporaneo di imprese di cui fa parte anche Sienambiente. “Se gli sviluppi giudiziari lo confermeranno – dice ancora il presidente – si rileva una commistione di ruoli che favorisce interessi privati, di gruppi, secondo una logica molto parassitaria: questo apre uno squarcio molto preoccupante”. Rossi ha poi proseguito annunciando che la regione “il prossimo lunedì costituirà una commissione di inchiesta per capire se l’eventuale manomissione della gara non abbia avuto poi influenza negativa sulla qualità del servizio ai cittadini. Se risulteranno cose negative – conclude – ne parleremo con i sindaci e vedremo il da farsi”. La linea della Regione , ha ricordato ancora una volta Rossi, è semplice: “vinca il migliore”.