Prima pagina

Impiegano lavoratori “in nero”, ristoratori nei guai

Sono finiti nei guai i titolari di un noto ristorante a pochi chilometri da Siena che facevano lavorare i dipendenti in nero, approfittando di situazioni difficili che li costringevano ad accettare quelle condizioni. Il controllo dei carabinieri è scattato perchè quattro dipendenti del locale avevano denunciato di essere stati appunto assunti irregolarmente e di non essere oltretutto stati pagati. Quando i militari del nucleo Ispettorato del Lavoro hanno fatto visita al locale, su nove persone impiegate in quel momento a curare i 40 avventori della sera, ben cinque erano state assunte senza nemmeno l’ombra di un contratto e sono quindi scattate le sanzioni:  per ogni lavoratore assunto in nero gli imprenditori dovranno pagare una multa di 1500 euro, più 2000 per la sospensione dell’attività. Sono 9500 euro complessivi e, se nel giro di tre mesi la somma non verrà pagata, triplicherà.

RADIO STREAMING POPUP

ESTRA NOTIZIE

Ad

Meteo

Meteo Siena