Il sindaco di Cetona, Barbanera: “Da anni le Province sono in stato di precarietà, le conseguenze si vedono ogni giorno”
13 Ott, 2018
Barbanera Eva sindaco Cetona

Quattordici sindaci del territorio senese scrivono una lettera nella quale chiedono di poter tornare all’elezione diretta del presidente della Provincia, ricordando le grandi problematiche che questi enti stanno affrontando ovunque in Italia. Tra questi quattordici primi cittadini c’è anche il sindaco di Cetona Eva Barbanera: “Veniamo da incertezze per quel che riguarda gli enti locali – ha affermato il sindaco Barbanera – e l’ente locale che ne ha fatto più le spese è stata la Provincia. La nostra lettera è una spinta alla riflessione. Forse il tema della Province in questo momento non è al centro dell’attenzione dell’opinione pubblica nazionale, però le conseguenze pratiche di quanto è accaduto negli ultimi anni si vedono ogni giorno. La richiesta del ritorno ad una gestione tramite cariche elettive è parte di una riflessione più estesa e complessa. Da anni le Province sono in una condizione di precarietà iniziata con la riforma Delrio attuata in vista di una abolizione dell’ente che poi tuttavia non è avvenuta. Oggi ci troviamo in una situazione sospesa, con problemi pesanti nella gestione ad esempio della viabilità e delle scuole, riteniamo che si debba tornare ad una gestione in prima persona da parte di un presidente e di consiglieri che siano eletti dai cittadini. L’attuale sistema non potrà andare avanti a lungo, la conferma arriva dal fatto che tante Province in Italia sono andate in dissesto finanziario. A breve qualcuno dovrà prendere una decisione, così non si può andare avanti”.

Qui sotto l’intervista integrale al sindaco di Cetona, Eva Barbanera.