Prima pagina

Il Santa Maria della Scala si riappropria della sua storia

Quella che fu la casa delle balie nel millenario Ospedale Santa Maria della Scala, adesso Complesso museale, diventerà un piccolo ma suggestivo ostello per i pellegrini della Via Francigena. Si tratta della realizzazione di un ulteriore pezzo dello schema generale del recupero del Santa Maria della Scala, secondo il progetto redatto dall’architetto Guido Canali, che doterà il complesso di una funzione importante e fortemente legata alla storia stessa del Santa Maria, una storia di accoglienza e di pellegrinaggi.
Già iniziati i lavori, per un importo totale di circa 700.000 € di cui 420mila finanziati dalla Regione Toscana, sul progetto a firma dello Studio Canali, con la direzione seguita da personale comunale.
La struttura prevede almeno 25 posti letto, e una volta completata nei prossimi mesi, sarà affidata, entro la fine dell’anno, ad una gestione esterna al Comune che fornirà anche il necessario arredamento.
“È un ulteriore passo avanti nel completamento del progetto generale del Santa Maria della Scala – ha detto l’assessore ai lavori pubblici paolo Mazzini – insieme al lavoro, anch’esso già cominciato e realizzato in parte, per la messa a norma di parti significative del complesso”

RADIO STREAMING POPUP

ESTRA NOTIZIE

Ad

I più letti