Il Consiglio all’unanimità sui bilanci di Siena 2019
23 Lug, 2014
2019_774x600

Il Consiglio Comunale si è espresso all’unanimità sul percorso di candidatura di Siena per il titolo di capitale europea della Cultura 2019, condividendo l’opportunità di procedere in modo trasparente sulla conoscenza delle risorse messe a disposizione del Comitato promotore.

La questione ha trovato spazio nel dibattito consiliare odierno con i contenuti della mozione presentata da Marco Falorni (Impegno per Siena) e sottoscritta da Massimo Bianchini (Nero su Bianco), Giuseppe Giordano (Siena Rinasce), Alessandro Trapassi e Laura Sabatini (Siena Cambia) e Andrea Corsi (Moderati di Centrodestra).

Il documento finale, approvato da tutti i gruppi consiliari, ha quindi recepito gli emendamenti di: Carolina Persi (PD), sottoscritto anche dai capigruppo Lorenzo Di Renzone (Siena Cambia), Pasquale D’Onofrio (SEL) e Simone Lorenzetti (Riformisti); Laura Vigni, a firma degli stessi proponenti della mozione originaria; Michele Pinassi (Siena 5 Stelle).

Il testo, richiamando i rapporti del Comune con il Comitato promotore della candidatura, di cui il sindaco è presidente, puntualizza come <<nel bilancio di previsione – recita il documento – non esistano voci specifiche inerenti ai finanziamenti per il Comitato, che, anche se distinte, devono comunque essere conosciute e riconosciute dal Consiglio comunale>> in quanto <<in varie occasioni il sindaco ha sottolineato l’importanza di ottenere un forte consenso dal Consiglio comunale sull’intero percorso di candidatura>>.

La mozione impegna pertanto il sindaco <<a rendere noti al Consiglio comunale, prima della richiesta di consenso alla stessa candidatura di Siena 2019, i dati di bilancio del Comitato Siena 2019, consuntivo e preventivo, e lo storico delle somme erogate dal Comune con relativa utilizzazione, dandone adeguata pubblicità anche attraverso il sito web dell’Amministrazione comunale>>.

Il sindaco Valentini, apprezzando la convergenza di tutti i gruppi consiliari sull’argomento come elemento di condivisione e rafforzamento della candidatura stessa, ha invitato a mantenere alta l’attenzione non solo sulla quantificazione delle spese, ma anche nel merito dell’utilizzo delle risorse: <<Per raggiungere l’auspicato traguardo – ha detto Valentini – è importante che Siena riesca a presentare progetti di alta qualità, in linea con la storia della città e con il più ampio coinvolgimento di tutte le realtà cittadine e degli altri Comuni della provincia. Sono estremamente soddisfatto per l’intesa tra maggioranza e minoranza su un tema, come quello della candidatura a capitale europea della Cultura, che riguarda tutti i senesi, nessuno escluso>>.

 

2019_774x600