Facebook Posts Home Slide Show Prima pagina

Il Comune: “Rifiuti, ancora disservizi. Il gestore si assuma le responsabilità”

Continuano i disservizi del gestore Sei Toscana. A sottolinearlo è l’assessore ai rifiuti e decoro urbano, Silvia Buzzichelli, che sta continuando a raccogliere segnalazioni dei cittadini per quanto riguarda problematiche su lavaggio delle strade, raccolta rifiuti e anche il funzionamento dei compattatori per le utenze non domestiche, i mega raccoglitori per i quali l’amministrazione comunale sostiene costi per 50mila euro all’anno.

“Ho segnalato al gestore – sottolinea l’assessore – i continui disservizi che, peraltro, non ci vengono preventivamente comunicati, come si dovrebbe, dalla stessa azienda Sei Toscana, in modo da conoscere la situazione e provare perlomeno ad attutire i disagi dei cittadini, su cui ricade il disservizio stesso. Abbiamo purtroppo registrato nei mesi estivi mancati lavaggi di alcune strade, anche nel centro storico, che portano a svariate problematiche, oltre che a questioni di decoro”. Nel dettaglio, secondo il consuntivo dei mesi di luglio e agosto che la stessa Sei Toscana deve fornire, le criticità maggiori riguardano gli interventi sui cassonetti dell’organico, eseguiti al 65 per cento rispetto ai programmi e il lavaggio delle strade, eseguito al 58 per cento rispetto ai programmi. Via Banchi di Sopra, via Banchi di Sotto, via di Pantaneto e via di Città superano la percentuale del venti per cento per i lavaggi non eseguiti.

“Continuiamo a monitorare la situazione – prosegue -, ma i disagi rimangono e devono essere risolti da chi ne ha responsabilità e competenza. Stessa cosa per la raccolta dei rifiuti e i ‘press container’ che sono installati per lo smaltimento delle utenze non domestiche, dei quali, oltretutto, ho chiesto da mesi un report per capirne il reale utilizzo, ma per il quale non ho ancora avuto risposte”. I quattro compattatori sono stati installati a partire da gennaio 2020 in strada Massetan Romana e piazza Maestri del Lavoro: nel periodo hanno registrato malfunzionamenti, recano tutt’ora informazioni sbagliate e fanno rilevare forti maleodoranze, soprattutto nei mesi più caldi.

“Non ci sottraiamo dal confronto con il gestore e dalle responsabilità nei riguardi dei cittadini – conclude l’assessore – il Comune è il primo ‘front-office’ a cui rivolgersi ed è giusto continuare a raccogliere le segnalazioni. E’ altrettanto giusto, però, far sapere di chi sono le responsabilità”.

RADIO STREAMING POPUP

Ad

hit in testa

ESTRA NOTIZIE

Meteo

Meteo Siena