Prima pagina

Il climatologo e Premio Nobel australiano Nigel Tapper all’Università di Siena

Uno dei più eminenti climatologi a livello mondiale, l’australiano Nigel Tapper, Premio Nobel nel 2007 insieme ad Al Gore, sarà all’Università di Siena giovedì 4 settembre, per presentare le sue ricerche sull’impatto dei cambiamenti climatici sulle grandi città, e per discutere soluzioni architettoniche, costruttive e paesaggistiche che limitino i danni del riscaldamento globale.
Adattare le città ai cambiamenti del clima e ai fenomeni metereologici estremi, per proteggere le popolazioni, è infatti una questione sempre più urgente: è di pochi giorni fa l’allarme dell’Oms, che stima in 60 milioni ogni anno le vittime dei disastri naturali legati al clima, più che triplicati dal 1960.
Il professor Tapper, docente alla Monash University di Melbourne, sarà in Ateneo nell’ambito dei contatti e dei progetti tra i membri del Sustainable Development Solutions Network, la rete globale promossa dall’ONU sui temi della sostenibilità. L’Università di Siena è infatti coordinatore della rete Med Solutions per l’area mediterranea, mentre la Monash University coordina le attività dell’area dell’Australia e Pacifico, è promotrice del Deep Deacarbonization Pathways Project e si occupa della ricerca sui cambiamenti climatici.
La conferenza pubblica all’Università di Siena si svolgerà nell’aula Magna storica del palazzo del Rettorato, in via banchi di sotto 55, dalle ore 14.30.
“E’ cruciale che adattiamo le nostre città ai cambiamenti climatici, e che ci prepariamo ai fenomeni estremi – ha spiegato Tapper –. L’Australia è tra le prime regioni a subire il cambiamento climatico, ed è in prima linea nell’adattamento del suo ambiente al clima che cambia. All’Università di Siena illustrerò le soluzioni per contrastare il caldo eccessivo negli ambienti urbani e per sopperire alla scarsità di acqua, che stiamo sperimentando nelle città dell’Australia del sud. Abbiamo visto che piccole riduzioni di temperatura, che possono essere raggiunte introducendo spazi verdi e attuando accorgimenti per il risparmio idrico, possono avere grandi vantaggi sulla salute degli abitanti e potenzialmente salvare molte vite.  Le città del sud dell’Australia hanno un clima simile a quello delle grandi città del Mediterraneo, per questo vogliamo confrontarci con i ricercatori di quest’area, sviluppando progetti comuni”.
Docente di Scienze ambientali, responsabile di ricerche nell’ambito dei cambiamenti climatici urbani e membro dell’Intergovernmental Panel on Climate Change, il professor Tapper ha lavorato anche in Italia, collaborando con numerose istituzioni.

RADIO STREAMING POPUP

ESTRA NOTIZIE

Ad

Meteo

Meteo Siena