I bambini a spasso per Siena con gli architetti riflettono sullo spazio urbano
28 Nov, 2016
segui-architetto-petrilli-1

I bambini analizzano lo spazio urbano in cui vivono grazie a “Segui l’architetto”, iniziativa promossa dall’Ordine degli Architetti PPC senese nell’ambito del programma  #Cantierecomune. La scorsa settimana, gli alunni delle quinte classi delle scuole primarie “Savina Petrilli” e “A.Saffi” hanno preso parte a due passeggiate, rispettivamente, con l’architetto Anna Agostini (Fram Menti di Vicenza) e con l’architetto Goffredo Serrini (SocialDesign Firenze,Università di Firenze). Grazie a questi tutor, i bambini hanno potuto riflettere sugli spazi che quotidianamente frequentano, ad esempio giardini, piazze e vie, con l’obiettivo di sottolinearne le funzioni e i punti di forza e di debolezza. Come evidenzia la consigliera dell’Ordine degli Architetti di Siena, responsabile del progetto, Marina Gennari, l’obiettivo dell’iniziativa è “far aprire lo sguardo dei bambini verso il mondo della progettazione e dell’architettura, grazie alla figura dell’architetto che accompagna i ragazzi lungo un percorso che si snoda per le vie e le piazze cittadine o nelle aree verdi”. In occasione della camminata svolta dagli alunni della scuola “Petrilli”, ad esempio, i bambini hanno lasciato dei segni in città grazie ad alcuni messaggi scritti su palloncini colorati. “Quello che abbiamo tentato di fare oggi con i bambini – spiega Anna Agostini, specializzata in progetti di architettura partecipata –  è portarli in giro per la città insegnandogli a leggere quei segni che il territorio offre per notare le diverse stratificazioni, i diversi progetti che si sono susseguiti capendo come la realtà che noi vediamo non sia stata sempre così, ma ci sia stato un intervento. L’altro scopo era far comprendere il ruolo che anche loro, i più giovani, possono avere nel cambiamento della propria città. Per questo, da piazza San Francesco a piazza Matteotti, ci siamo fermati in vari punti e, dopo una riflessione, i bambini hanno lasciato un segno  attraverso dei palloncini colorati su cui hanno scritto il loro punto di vista. Con il palloncino verde hanno indicato un punto positivo da valorizzare, mentre con quello rosso cosa può essere migliorato”. Le persone che sono passate per piazza Matteotti, piazza San Francesco, piazza Salimbeni, via de’ Rossi e Banchi di Sopra hanno così potuto leggere le opinioni dei più giovani. Nella seconda passeggiata, invece, gli alunni della scuola primaria “Saffi”  si sono soffermati sugli spazi verdi degli Orti Tolomei. Condotti dall’architetto Goffredo Serrini, docente di pianificazione e progettazione urbana, che da molti anni si occupa della trasformazione della città contemporanea, i bambini hanno potuto scoprire e apprendere la grammatica del progetto a scala urbana attraverso la pesca di parole tratte da un ideale alfabeto dell’architettura e dell’urbanistica. Il lavoro non è finito qua, dato che questa settimana al Museo d’arte per bambini del complesso museale del Santa Maria della Scala, si terranno i laboratori  conclusivi che permetteranno agli alunni coinvolti di rielaborare, anche con dei disegni, quanto visto e fatto in occasione delle passeggiate con gli architetti. Il progetto #CantiereComune, co-finanziato dalla Regione Toscana nell’ambito del progetto Toscana Incontemporanea 2016, nasce dall’esperienza Siena Capitale della Cultura 2015 e dal Tavolo di Arte e Architettura Contemporanea e vede come capofila il Comune di Siena con la guida di Michela Eremita, direttrice del Museo d’arte per bambini.