Gran Fondo del Gallo Nero: boom di presenze nel territorio del Chianti Classico
21 Set, 2015
gallonerogranfondo

Si chiude, in una splendida giornata settembrina, la terza edizione della Gran Fondo del Gallo Nero, la gara ciclistica creata e organizzata dal Consorzio Vino Chianti Classico in collaborazione con la Chianti Classico Company. Di grande successo i numeri di quest’anno, dove si è registrato il 40% in più degli iscritti rispetto allo scorso anno.

Sono stati più di 700 i cicloturisti, amatori e professionisti, italiani e stranieri, che hanno partecipato all’iniziativa scegliendo tra due percorsi: uno di 135 km e uno di 79 km, entrambi immersi nella cornice unica del territorio di produzione del Gallo Nero, meta ogni anno di migliaia di cicloturisti provenienti da tutto il mondo. Molti i partecipanti anche dall’estero, in particolare da: Francia, Olanda, Danimarca, Canada e Nuova Zelanda.

La Gran Fondo è stata anche l’occasione per gli atleti per cimentarsi nella scalata del Passo del Morellino, che da Radda sale verso un panorama unico contornato da vigne e olivi per poi addentrarsi in una serie di rampe in mezzo al bosco che precedono l’arrivo al Valico del Morellino a 750 mt slm, per una lunghezza totale di circa 7.5 km con pendenze che toccano il 17%. Conosciuta dagli appassionati locali la “Scalata del Morellino” è stata particolarmente apprezzata soprattutto dai più abili, come Francesco Casagrande, che per la seconda volta ha vinto la crono del Morellino.

Tutti i partecipanti hanno indossato la famosa maglia del Gallo Nero che insieme ad altri gadget faceva parte di un “esclusivo” pacco gara compreso nella quota di partecipazione. Le premiazioni dei più abili per ciascuna categoria stabilita in base alle fasce di età e al sesso e dei vincitori delle classifiche assolute per i due percorsi si sono svolte al Gallo Nero Village in piazza IV novembre a Radda.

Vincitore del percorso lungo è risultato Francesco Cecchini che ha percorso i 135 km in sole tre ore, 48 minuti, 10 secondi. Proprio Cecchini ha ricevuto il primo premio che caratterizza la Gran Fondo del Gallo Nero: il peso in vino del vincitore della gara. L’atleta è stato quindi posto su una vera e propria stadera da cantina che ha registrato un peso di 62 kg, equivalente e 54 bottiglie di Chianti Classico.

Per il gentil sesso, la prima a tagliare il traguardo è stata Susanna Iscaro, che ha percorso i 135 km in 4 ore, 42 minuti e 24 secondi.

Dopo la corsa, tutti gli atleti si sono ritrovati al Gallo Nero Village, per gustare il buffet delle eccellenze gastronomiche ed enologiche del territorio, tutti prodotti Dop forniti da AICG (Associazione Italiana Consorzi Indicazione Geografica): 100 i chili di pasta Fabbri consumati, accompagnati dai vini del Gallo Nero, insieme ad altri prodotti locali e italiani DOP e IGP come Pecorino Toscano, Prosciutto Toscano, Salamino Cacciatore, nazionali, Grana Padano e Olive Bella della Daunia.
Main Sponsor della manifestazione Chianti Banca.
“Siamo molto soddisfatti di questa terza edizione della Gran Fondo del Gallo Nero – afferma Sergio Zingarelli, Presidente del Consorzio Vino Chianti Classico – una partecipazione così numerosa alimenta ancora di più la prospettiva di trasformare la gara in un evento stabile. Grazie alle condizioni meteo favorevoli, ai bellissimi paesaggi, al nostro buon vino, allo spirito agonistico unito alla convivialità, il Gallo Nero oggi ha offerto il meglio di sé alle centinaia di atleti presenti”.

La Gran Fondo si inserisce nel quadro di attività volte alla valorizzazione e promozione del brand del Gallo Nero e del suo territorio nel mondo, attraverso iniziative legate allo sport e al lifestyle, come l’enoteca consortile al Mercato Centrale di Firenze, il centro polifunzionale Casa Chianti Classico a Radda e il Crystal Lounge Gallo Nero, il primo ristorante affacciato sul campo dello stadio Artemio Franchi di Firenze.

“Il Chianti Classico – afferma Giuseppe Liberatore, Direttore Generale del Consorzio Vino Chianti Classico – si impegna da sempre in molte attività per promuovere il territorio e incrementare il flusso di turismo, cercando di favorire l’economia locale. Il successo della Gran Fondo di oggi ci ha dato l’ulteriore conferma della validità delle nostre scelte”.