“Giorgione” e Bandabardò fra i testimonial di Circomondo e vicini ai diritti dell’infanzia
18 Giu, 2015
campagna virale

Il re dei sorrisi in cucina, Giorgio Barchiesi, in arte “Giorgione”, la BandaBardò, Manuela Villa, il duo Musica nuda, il dj Francesco Farfa e il regista Felice Farina. Sono solo alcuni dei testimonial che hanno sposato finora la “causa” di Circomondo, il Festival internazionale di circo sociale in programma a San Gimignano da venerdì 26 a domenica 28 giugno per accendere i riflettori sui diritti dell’infanzia nel mondo e il recupero attraverso l’arte circense di bambini e ragazzi a rischio di emarginazione sociale in tanti Paesi del mondo. Insieme a loro, anche l’artista Joe Barbieri, il conduttore e autore Max De Tomassi e l’attore, scrittore e musicista Tony Laudadio hanno voluto sostenere la campagna legata all’evento e intitolata “Bambini in pista che cambiano il mondo”, postando un breve videomessaggio sulla pagina Facebook di Circomondo. Molti anche i nasi rossi indossati per la campagna “Serve una faccia da clown per sostenere Circomondo Festival” e postati sul canale social dell’evento: dalla parlamentare senese Susanna Cenni allo scrittore e musicista Marco Rovelli, insieme a tante altre persone che stanno aumentando di giorno in giorno. La “pista” di Circomondo, infatti, è aperta a tutti coloro che vogliono calarsi nello spirito dell’evento e sostenere con videomessaggi e nasi rossi la tutela dei diritti dei minori nel mondo, postandoli sulla propria pagina Facebook o profilo Twitter e utilizzando l’hashtag #circomondofestival.

Premio artistico “Bambini in pista che cambiano il mondo”. Fino al 18 giugno, inoltre, è possibile presentare gli elaborati per partecipare al Premio artistico “Bambini in pista che cambiano il mondo”, rivolto agli alunni delle scuole primarie e secondarie di primo grado di tutta Italia e alle associazioni giovanili per valorizzare l’arte e la cultura come strumento di integrazione e solidarietà verso bambini e adolescenti a rischio di esclusione e marginalizzazione sociale. Il primo premio in gara prevede attrezzature didattiche per un valore di 750 euro e tutti i partecipanti riceveranno un attestato di partecipazione.

Circomondo, Festival internazionale di circo sociale vedrà protagonisti bambini e ragazzi tra gli 11 e i 20 anni strappati da situazioni di forte disagio grazie all’arte circense e in arrivo da Brasile, Libano, Afghanistan, Spagna, Kenya, Roma e Napoli. L’esibizione dei piccoli artisti come giocolieri, acrobati, clown, equilibristi e trapezisti nelle vie e nelle piazze della città turrita e in uno spettacolo circense inedito curato dal regista Emmanuel Lavallè – in programma sabato 27 e domenica 28 giugno – sarà affiancata da mostre, seminari, proiezioni di film-documentari e laboratori per bambini aperti a tutti. Nella giornata di sabato 27 giugno, inoltre, Circomondo attraverserà Nottilucente, manifestazione promossa dal Comune di San Gimignano con Culture Attive e che, per il quarto anno, animerà vie e piazze del centro storico dalle ore 17 fino a tarda notte.

Promotori e sostenitori di Circomondo. Circomondo 2015 è organizzato dall’associazione di volontariato e cooperazione internazionale Carretera Central in collaborazione con il Comitato provinciale dell’Arci di Siena, con il contributo della Chiesa Valdese e in partnership con l’Arci nazionale e regionale Toscana e il Consorzio Nazionale NOVA. La manifestazione conta anche sul patrocinio di Undp, il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo, Comune di San Gimignano e Regione Toscana, oltre ad altri enti nazionali e internazionali e partner locali. Per seguire da vicino Circomondo e il suo programma, è possibile consultare il sito www.circomondofestival.it e i profili social della manifestazione su Facebook, Twitter e Instagram.