Palio

Gabriele Gragnoli: “Dalla cuffia al cappotto… è quasi impensabile, ma è vero!”

“Francamente le parole mancano in questi momenti, si può solo esprimere la gioia per un’impresa come quella che abbiamo appena compiuto”. E’ felice e frastornato il capitano-priore della Lupa Gabriele Gragnoli, forse non ha ancora realizzato di essere entrato nella storia del palio con il “cappotto” appena conquistato. Un anno strano quello della contrada di Vallerozzi, una doppia carica per Gragnoli perchè non si è riusciti a trovare la sintesi giusta per eleggere il capitano, un bellissimo palio vinto a luglio dopo un digiuno di 27 anni, l’estrazione a sorte per agosto, la stessa coppia cavallo-fantino che torna. Tutto doppio, non mancava che un altro drappellone… “Il palio a volte stupisce con queste casualità, che poi non so se sono casualità. Non lo so quale sia il significato. Abbiamo vissuto un anno strano, basti dire che dalla cuffia siamo passati al cappotto… è quasi impensabile, ma come era impensabile all’inizio per me assumere la doppia carica, però l’ho fatto, perchè la contrada non poteva rimanere in quelle condizioni. Dedico questa vittoria a tutta la mia famiglia, come sempre, a tutte le persone anziane della Lupa, che pensavano di andarsene senza rivederla vincere, alla mia mamma che non c’è più e al mio nonno che ha fatto di me il contradaiolo che sono oggi”.

RADIO STREAMING POPUP

ESTRA NOTIZIE

Ad

Meteo

Meteo Siena