Furto e danni alla palestra dell’Associazione Primo Salto. La rabbia di Doretti, la solidarietà del sindaco
20 Lug, 2018
Doretti Claudio Ass primo salto

Furto e danni ingenti alla palestra della ex scuola Alfieri, all’Acquacalda a Siena, gestita dall’Associazione Primo Salto. Qualcuno, nel tardo pomeriggio di ieri è entrato forzando la porta di sicurezza ed ha rubato pochi soldi che erano all’interno, le scorte di cibo, acqua e capi di abbigliamento. Poi hanno rotto vetri e altri oggetti che hanno trovato nei locali. Un episodio che ha colpito al cuore l’associazione: “Rabbia, frustrazione…. e la sensazione che sia stata violato uno spazio tanto amato”, ha scritto in un post su Facebook il presidente Claudio Doretti, al quale è arrivata subito la solidarietà del sindaco De Mossi, che ha annunciato un sopralluogo nei prossimi giorni per valutare il potenziamento di eventuali misure di sicurezza. Di seguito i post di Doretti e De Mossi

“In cuor mio sapevo che prima o poi sarebbe potuto succedere, ma poi quando accade, per quanto potevi esserci preparato, ti senti comunque ferito. Non capisco per quale ragione si debba entrare in una palestra per pochi spiccioli e nel contempo fare danneggiamenti ingenti. Rabbia, frustrazione…. e la sensazione che sia stata violato uno spazio tanto amato.
Li dentro ho messo molto della mia vita, sia a livello economico che di idee, sogni e speranze. Ma questa cosa non ci fermerà…risistemeremo tutto, perchè abbiamo lottato tanto per rendere la Palestra Alfieri una casa per i bambini e non è certo l’azione di balordi che ci farà desistere. AVANTI SENZA MOLLARE MAI!”

“Ho espresso solidarietà e vicinanza a Claudio Doretti per il deplorevole episodio avvenuto la scorsa notte nella palestra gestita ottimamente dall’associazione guidata da Doretti.
L’encomiabile lavoro di Claudio e della sua associazione deve essere tutelato e promosso. Per questo, oltre alla doverosa vicinanza espressa da me a nome della città, ho preso l’impegno di recarmi sul luogo con l’assessore Francesco Michelotti per valutare il potenziamento di eventualii misure di #sicurezza”.