Furto di olio a San Gimignano, arrestati due albanesi
22 Nov, 2017
dav

I carabinieri li hanno fermati ieri pomeriggio mentre stavano andando a vendere i primi 150 chili di olio dei quasi 700 che avevano rubato nella notte di lunedì ad un’azienda agricola di San Gimignano e li hanno arrestati. In manette sono finiti due albanesi – B.R di 32 anni e D.B. Di 27 – entrambi gravati da precedenti penali che, secondo gli investigatori, fanno parte di una banda ben organizzata che aveva pianificato il furto nei minimi dettagli. Le indagini infatti vanno avanti in questa direzione, perchè appunto le modalità del furto fanno ipotizzare che siano state coinvolte diverse persone. Facciamo un passo indietro alla notte di lunedì appunto quando i malviventi, dopo aver forzato due porte, sono entrati nell’azienda, hanno avuto tutto il tempo di travasare l’olio in dei fusti precedentemente preparati e sono poi fuggiti indisturbati. Ieri pomeriggio i carabinieri, che avevano intensificato i controlli sul territorio nella convinzione che i malviventi dovessero vendere l’olio, a Staggia Senese hanno individuato una macchina sospetta, ma quando hanno imposto l’alt l’auto ha forzato il posto di blocco. E’ cominciato così un inseguimento che è durato per qualche chilometro e si è concluso quando i malviventi si sono infilati in una strada senza uscita e sono stati bloccati. Nel bagagliaio della vettura sono stati trovati tre fusti di olio da 50 chili ognuno, che è stato sequestrato. Dei mazzi di chiavi trovati addosso ai ladri hanno poi condotto i carabinieri in un capannone in disuso in località Monte, nel comune di Castellina in Chianti, dove è stato trovato il resto del prodotto rubato ed anche diversi attrezzi agricoli e un quad di provenienza furtiva. I due albanesi sono in carcere con le accuse di resistenza a pubblico ufficiale, ricettazione e furto aggravato. Al vaglio degli inquirenti la posizione del proprietario del capannone, un uomo della zona, che lo aveva messo nella disponibilità di uno dei due arrestati. L’olio è stato restituito alla titolare dell’azienda agricola di San Gimignano,che ha ringraziato gli uomini dell’Arma per l’efficienza e la tempestività, così come il proprietario del mezzo fuoristrada.