Prima pagina

Furto al distributore di Pian delle Fornaci, arrestato il ladro

E’ stato arrestato dalla Polizia, dopo accurate indagini, il ladro responsabile di un furto al distributore di benzina di Pian delle Fornaci. Gli agenti lo hanno rintracciato a Siena, a casa di un conoscente e lo hanno condotto nel carcere di Santo Spirtito. Si tratta di un 55enne sardo – R.M. le sue iniziali – originario della provincia di Cagliari, ma residente in provincia di Arezzo, già noto alle forze dell’ordine per i numerosi precedenti collezionati nel tempo in materia di reati contro il patrimonio.

Parte della refurtiva e degli oggetti sequestrati
Parte della refurtiva e degli oggetti sequestrati

I fatti risalgono alla notte del 30 giugno scorso, quando alcuni automobilisti che si erano fermati a fare rifornimento al distributore “Beyfin” di Pian delle Fornaci, si accorsero che la colonnina di accettazione del denaro per l’attivazione degli erogatori self service era aperta e all’interno c’erano banconote in bella vista. Fu avvisato il 113 e gli agenti intervenuti sul posto accertarono che la cassaforte in cui finisce il denaro di chi fa rifornimento quando nell’impianto non c’è personale al lavoro, era stata scassinata ed erano stati rubati ben 20mila euro. In pochi giorni i poliziotti riuscirono ad individuare il responsabile. Prima del furto, le telecamere del sistema di videosorveglianza di cui è dotato l’impianto, erano state oscurate con della vernice. Per il ladro, però, non era andato tutto per il verso giusto, poiché la vernice, colando, aveva consentito ad alcuni obiettivi di riprendere in parte le fasi del furto ed anche l’auto usata dal ladro. Proprio dalla macchina gòi agenti erano arrivati ad individuare il responsabile del furto, al termine di una complicata attività di ricostruzione dei vari passaggi di mano che il mezzo aveva avuto nel tempo.
All’uomo e alla sua compagna i poliziotti, nel corso di perquisizioni personali e domiciliari, erano riusciti anche a trovare e sequestrare una parte della refurtiva, circa duemilacinquecento euro, oltre a vario materiale usato per il furto. Tra le altre cose, era stata trovata e sequestrata anche vernice identica a quella utilizzata per oscurare le telecamere di sorveglianza del distributore di carburanti derubato. Condividendo e facendo propri gli elementi fornitigli dagli investigatori, il Pubblico Ministero che coordina le indagini, Aldo Natalini, ha chiesto per l’indagato l’applicazione di misura cautelare ed il Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Siena ha disposto che l’uomo, gravemente indiziato di furto aggravato e danneggiamento aggravato, venisse arrestato e condotto in carcere.

RADIO STREAMING POPUP

ESTRA NOTIZIE

Ad

Meteo

Meteo Siena