Prima pagina

Francigena patrimonio mondiale Unesco, riprendere il percorso

«Riattivazione immediata del gruppo di lavoro per portare a termine il percorso della candidatura Unesco della Via Francigena». A lanciare la richiesta, inoltrata già al Ministro Dario Franceschini, il Sindaco di Monteriggioni Raffaella Senesi agli Stati generali sulla Via Francigena in corso a Monteriggioni all’interno dello Slow Travel Fest. Nel giorno in cui l’Amministrazione comunale di Monteriggioni ha inaugurato un nuovo ostello con 56 posti letto, il punto sosta e un fontanello per il pellegrino arriva la richiesta – che come ha sottolineato il Sindaco – «non è solo nostra ma trova ampia condivisione per quello che sarebbe un nuovo percorso di sviluppo culturale, turistico ed economico per i nostri territori».

Il percorso per la candidatura Nel 2010 per impulso della Provincia di Siena venne avviata la procedura che trovò ampia cooperazione da parte del Ministero, della Regione Toscana e dell’Associazione Europea delle Vie Francigene, “réseau porteur” dell’itinerario per il Consiglio d’Europa, oltre che di alcune Università e di diverse istituzioni locali che manifestarono interesse e impegno per l’attività di coordinamento e di implementazione del progetto. Una prima importante riunione si svolse il 19 maggio 2010 al MIBACT, alla quale parteciparono i soggetti istituzionali che dettero il via all’organismo di coordinamento della candidatura UNESCO, formalizzando le adesioni e mettendo a disposizione risorse interne. Il gruppo di lavoro venne ufficializzato il 21 settembre 2010. Venne individuata una prima metodologia di lavoro condivisa mettendo in evidenza i criteri per la selezione degli elementi culturali e delle eccellenze del percorso. Allo stesso tempo venne sviluppata un’azione di sviluppo congiunto nei territori francigeni senesi. Per arrivare al 12 giugno scorso quando si è svolto a Fidenza un incontro cui hanno partecipato i rappresentanti di 50 amministrazioni locali e regionali della Via Francigena che hanno ribadito la volontà di riprendere l’iter portando avanti il progetto nazionale di candidatura, considerando anche l’eventuale apertura agli altri tre Paesi attraversati: Svizzera, Francia, Inghilterra con il Giubileo del 2016 che potrà certamente dare forte impulso alla candidatura. Alla fine dei lavori a cui presero parte, oltre al Comune di Monteriggioni, anche Paolo Piacentini, consigliere del Ministro Franceschini e Giacomo Bassi, sindaco di San Gimignano e presidente dell’Associazione Beni Italiani Unesco, è stato approvato un documento di sintesi e di indirizzo che il Comune di Monteriggioni poerterà in approvazione nel prossimo Consiglio Comunale.

RADIO STREAMING POPUP

ESTRA NOTIZIE

Ad

Meteo

Meteo Siena