Fondazione: Clarich tenta la carta del rimborso
26 Ago, 2014
fondazione mps_640x427

Clarich tenta la carta del rimborso per convincere due dei quattro consiglieri nominati nel cda di banca Monte dei Paschi a lasciare l’incarico a favore dei rappresentanti dei pattisti. Così il presidente della Fondazione Mps spera di risolvere il problema con Fintech e Btg Pactual rispettando l’accordo firmato a mesi fa. Lo anticipa il Corriere Fiorentino, ipotizzando che si proponga a due dei quattro consiglieri, Marco Turchi, Angelo Dringoli, Paola De Martini e Marina Rubini, di ricevere un rimborso per il mancato compenso nel caso lascino l’incarico che prevede un emolumento di 80 mila euro annui. L’argomento sarà affrontato nella deputazione amministratrice di giovedì prossimo e il presidente Clarich spera entro settembre di risolvere la questione. Sempre nell’incontro di dopo domani si sceglierà anche il vicepresidente della Fondazione. Intanto reagisce bene la Borsa all’idea del neo presidente Clarich di allargare il patto di sindacato alla compagnia assicurativa Axa. Ieri il titolo del Monte dei Paschi è salito di +5,8 per cento.