Torrenieri: i carabinieri sventano una truffa ai danni di anziani. Denunciati due giovani
9 Feb, 2017
carabinieri_112

I carabinieri di Montalcino hanno denunciato un 20enne (F.F. le iniziali) e la sua ragazza (S.A.) di 17 anni, entrambi napoletani, per truffa ai danni di persone anziane. I due sono stati fermati dai Carabinieri a Torrenieri e riconosciuti da una coppia di anziani, che aveva subito il raggiro. La tecnica usata è sempre la stessa: una telefonata da parte di un finto carabiniere che raccontava di un grave incidente stradale in cui era rimasto coinvolto il figlio e la necessità di avere denaro per evitare conseguenze peggiori. In questo caso alla donna che ha risposto al telefono sono stati chiesti 6500 euro e tutti i gioielli che aveva in casa per risolvere la questione. La signora insospettita, consigliandosi con il marito, ha chiamato subito il 112 e i carabinieri sono arrivati immediatamente sul posto riuscendo a fermare i due malviventi prima che la truffa si concretizzasse
Sono in corso ulteriori accertamenti per verificare se i due si siano resi autori di altre truffe simili in zona.
Contro le truffe commesse da “finti Carabinieri”, è stata fatta una importante attività preventiva ed è stata allertata la centrale operativa dei Carabinieri affinché, in caso di telefonate al 112, venisse subito inviata sul posto una delle numerose pattuglie dislocate sul territorio per la specifica esigenza.
I Carabinieri continuano a tenere viva l’attenzione sensibilizzando le potenziali vittime, alle quali si raccomanda di non farsi avvicinare da persone sconosciute anche se si presentano come appartenenti alle Forze dell’Ordine, a meno che, nelle vicinanze, non ci sia una macchina con i classici colori di istituto e con le tipiche scritte. Inoltre i Carabinieri ricordano che nessun agente è autorizzato a chiedere il pagamento di nulla per nessun motivo.
Comunque sia, in caso di dubbio “non si deve esitare a chiamare il 112!”; non dal telefono utilizzato dai presunti truffatori ma da un altro apparecchio.