Fermata una banda che rubava nelle abitazioni e nei cantieri edili: 7 arresti
18 Dic, 2018
carabinieri macchina

I carabinieri della compagnia di Siena hanno fermato una banda, costituita da kosovari e albanesi dediti a furti in abitazioni, furti di rame e in cantieri edili. Sono 7 gli arrestati (due in provincia di Arezzo mentre gli altri cinque sono stati fermati in provincia di Siena) al termine dell’operazione che è stata denominata “Edil furti” e illustrata in dettaglio stamattina in una conferenza stampa al comando provinciale dei carabinieri di Siena.

L’indagine, avviata dai militari della stazione di Rapolano Terme ha consentito di:

–          definire i ruoli e i compiti degli indagati, evidenziandone le responsabilità in 37 episodi di furto avvenuti nelle province di Siena e Arezzo, tra agosto e dicembre 2018;

–          individuare 6 canali di ricettazione dei beni rubati, localizzati nelle provincie di Siena e Arezzo;

–           recuperare oltre 300 kg di rame, asportato a privati e imprenditori locali all’interno di cantieri.

In particolare, i malviventi individuavano gli obiettivi, sfruttando il loro impiego come operai edili, assunti occasionalmente dalle vittime per lavori di ristrutturazione nelle abitazioni.

Inoltre, nel corso dell’indagine, sono emersi anche illeciti fiscali, da parte degli indagati, consistenti nell’emissione di false fatture per lavori mai eseguiti in favore di imprese artigiane, identificate in Toscana e in Trentino Alto Adige, finalizzate ad abbattere, per quest’ultime, l’utile dichiarato.

Recuperata e restituita agli aventi diritto refurtiva per circa 50.000 euro.