Fa scattare il salvavita e ruba in casa di un’anziana, albanese arrestato a Poggibonsi
7 Set, 2019
carabinieri in cortile

Aveva escogitato un ingegnoso stratagemma per rubare in casa di un’anziana che vive in un condominio di Poggibonsi, ma alla fine è stato arrestato dai carabinieri, che lo hanno sorpreso in flagranza di reato. Il piano del ladro, un 33enne albanese, consisteva nel far scattare di tanto in tanto il salvavita dell’impianto elettrico dell’appartamento della vittima prescelta, una donna di 78 anni, approfittando dei minuti in cui la signora scendeva in fondo alle scale per riattivarlo, per rubare soldi e gioielli. La scarsa memoria dell’anziana, sempre secondo il ladro, avrebbe fatto il resto: non si sarebbe accorta degli ammanchi. A dispetto dell’età invece la donna, non ha attribuito alle molte primavere sulle spalle la scomparsa di denaro ed oggetti preziosi, e si è rivolta ai carabinieri, che hanno installato all’interno dell’abitazione due telecamere ad infrarossi in grado di registrare immagini con molta chiarezza anche in precarie condizioni di luce. Le hanno chiesto poi, in caso fosse mancata di nuovo la corrente, di chiamarli prima di scendere in cantina per riattivare il salvavita, dando loro il tempo di arrivare sul posto. La situazione si è ripresentata ieri sera e tutto è andato come previsto: i militari hanno sorpreso lo straniero ancora all’interno della casa e lo hanno arrestato. Nell’abitazione dell’albanese è stata ritrovata poi anche parte della refurtiva sottratta all’anziana. Giudicato dal Tribunale di Siena con rito direttissimo, è stato condannato a un anno e sei mesi di reclusione.