Prima pagina

Etichetta “trasparente” per la pasta, Coldiretti: “Opportunità importante per produttori e consumatori”

Lo schema di decreto per rendere obbligatoria l’indicazione di origine del grano utilizzato per la pasta, firmato dai Ministri delle Politiche agricole Maurizio Martina e dello Sviluppo Economico Carlo Calenda è stato inviato a Bruxelles, alla Commissione Europea ed è in attesa, secondo procedura, dell’ok definitivo.

“Per l’agricoltura della nostra provincia – dice Simone Solfanelli direttore di Coldiretti Siena – è un giorno radioso,è un giorno di successo, si avvera una speranza che durava da anni. Tutto il mondo agricolo ha bisogno di questa tracciabilità, ma non solo il mondo agricolo, anche il mondo dei consumatori, tutti noi che compriamo e consumiamo pasta. E’ un provvedimento che di certo valorizza il prodotto locale, ma dall’altro canto dà certezze anche ai consumatori. In sostanza così abbiamo l’opportunità di scegliere quando acquistiamo la pasta se prendere la pasta fatta con il grano duro italiano oppure quella proveniente da altre parti del mondo, compresi quei paesi dove non vigono le norme sanitarie che vigono in Italia, dove è possibile usare prodotti che fanno male alla salute, come il grano proveniente dal Canada che viene trattato con prodotti riconosciuti come cancerogeni”.

L’Italia – ricorda la Coldiretti – è il principale produttore europeo di grano duro, destinato alla pasta con 4,9 milioni di tonnellate su una superficie coltivata pari a circa 1,3 milioni di ettari che si concentra nell’Italia meridionale, soprattutto in Puglia e Sicilia che da sole rappresentano il 42% della produzione nazionale, seguite dalle Marche. In Toscana mediamente vengono coltivati circa 110.000 ettari di terreno a grano; sono oltre 90.000 gli ettari seminati a grano duro e circa 20.000 quelli in cui si coltiva il grano tenero. La produzione del grano duro si concentra nelle province di Siena, Grosseto e Pisa, mentre ad Arezzo va il primato per il grano tenero, coltivato soprattutto in Val di Chiana. Sono circa 15.000 le imprese agricole toscane che coltivano grano; di queste 3.000 seminano ogni anno più di 10 ettari cereali.

Nonostante ciò sono ben 2,3 milioni di tonnellate di grano duro che arrivano dall’estero in un anno senza che questo venga reso noto ai consumatori in etichetta.

Il Decreto che introduce la sperimentazione dell’indicazione obbligatoria dell’origine per la filiera grano pasta inviato a Bruxelles prevede che le confezioni di pasta secca prodotte in Italia dovranno avere obbligatoriamente indicato in etichetta il nome del Paese nel quale il grano viene coltivato e se proviene da più paesi possono essere utilizzate, a seconda della provenienza, le seguenti diciture: paesi UE, paesi NON UE, paesi UE E NON UE. Inoltre, se il grano duro e’ coltivato almeno per il 50% in un solo Paese, come ad esempio l’Italia, si potrà usare la dicitura: “Italia e altri Paesi UE e/o non UE”. Queste indicazioni sull’origine – conclude la Coldiretti – dovranno essere apposte in etichetta in un punto evidente e nello stesso campo visivo, in modo da essere facilmente visibili, chiaramente leggibili ed indelebili.

RADIO STREAMING POPUP

Ad

hit in testa

ESTRA NOTIZIE

Meteo

Meteo Siena