Prima pagina

Enoteca: “Serve subito un valido staff di persone che studino il progetto di rilancio”

Arrivano le lettere di licenziamento per 8 dei 13 dipendenti dell’Enoteca, conseguenza della crisi che sta interessando l’ente ormai da tempo. E’ diventato attuativo il piano di ristrutturazione che punta sui tagli per ridurre il debito, ma per salvare l’Enoteca c’è bisogno di idee nuove.

L'enologo Roberto Bruchi
L’enologo Roberto Bruchi

“E’ incredibile che un’ente così importante a livello internazionale – ha detto ai microfoni di Are, l’enologo Roberto Bruchi – sia finito in una situazione del genere. Colpa sicuramente della crisi che non ha favorito i progetti di sviluppo, della perdita dei finanziamenti sia locali che governativi ma anche dell’incapacità manageriale che negli ultimi anni non ha saputo far quadrare i conti. Siena deve tornare ad essere un punto di riferimento per il vino italiano, ce la possiamo ancora fare ma bisogna non perdere più tempo. Riuniamo in un team persone competenti e capaci di presentare un progetto di rilancio potendo così usufruire anche del milione di euro che la Regione ha messo a disposizione”.

RADIO STREAMING POPUP

Ad

hit in testa

ESTRA NOTIZIE

Meteo

Meteo Siena