Prima pagina

Elezioni Regionali: Poggibonsi, inaugurato il comitato di sostegno a Scaramelli

“Sostengo Stefano Scaramelli per la sua costante attività riformatrice della politica, per la sua sincerità, per la sua schiettezza e per il grande valore che gli riconosco umanamente e politicamente. A partire dal 2012, quando l’ho conosciuto e intrapreso la sfida del cambiamento del sistema-Paese al fianco di Matteo Renzi, si è sempre dimostrato coraggioso e altruista. Penso ad esempio alla rinuncia che ha fatto: poteva andare in Parlamento invece ha rinunciato per restare nella sua città, Chiusi, e portare a termine i progetti che voleva realizzare. Credo che adesso sia arrivato il momento di portare il suo modo di fare politica, improntato al cambiamento, alla sincerità e alla concretezza, anche in Regione Toscana”. Così Francesca Fattorini – imprenditrice della Val d’Elsa, membro dell’Assemblea nazionale Pd, e tra le tante persone che hanno partecipato all’inaugurazione del Comitato a sostegno della candidatura per le elezioni regionali – spiega perchè sta con Stefano Scaramelli.
Nella tappa di Poggibonsi del tour in camper di Scaramelli, capolista Pd, sono stati tanti i tempi affrontati: dalla caccia all’agricoltura, dall’impresa all’associazionismo, dalla cultura al turismo. “La Valdelsa è stata il motore della provincia di Siena, deve tornare ad esserlo. Dobbiamo mettere i cittadini e le imprese nelle condizioni – dice Scaramelli – di tornare a fare impresa. Tra i primi nodi da sciogliere la viabilità, basta chiacchiere: gli investimenti devono arrivare anche in quest’area della Toscana. I collegamenti devono cambiare, devono diventare sicuri e veloci. All’Autopalio servono investimenti importanti, reali, così come sulle linee ferroviarie che vertono in condizioni inaccettabili rendendo le tratte percorse da studenti e pendolari un viaggio nel Medioevo”.
Tappa anche a Colle Val d’Elsa e alla Miv, dove Scaramelli ha incontrato molti imprenditori, tra i quali anche quelli che operano nel campo del design. Un settore che in Toscana conta 13.500 occupati, un fatturato da 950 milioni di euro all’anno, ed è una delle realtà più presenti in Val d’Elsa. “In questi mesi stiamo portando avanti – ha detto Stefano Scaramelli – la richiesta formale di concertazione e di incontro, tra imprenditori, Governo e associazioni di categorie, per trovare una sintesi condivisa sulla produzione di pezzi di arredamento ispirati ai “classici”. Il tavolo di lavoro con il Governo e le parti sociali servirà a spiegare che le nostre aziende vogliono continuare a lavorare, a fare il lavoro che hanno sempre fatto, portando avanti una tradizione molto radicata nel territorio, che ha avuto importanti ricadute in termini economici e di risorse umane per tutta la Toscana”. Quella del design d’autore è una lunga storia, nata nel 2001 quando, per recepire la direttiva 98/71/Ce sul design, l’Italia modifica la legge sul diritto d’autore e decide di estendere la protezione anche alle opere di design che alla data del 19 aprile 2001 erano già diventate di dominio pubblico.

RADIO STREAMING POPUP

ESTRA NOTIZIE

Ad

HIT IN TESTA le più ascoltate su A r e

Meteo

Meteo Siena