Prima pagina

Domani il presidio della Prefettura dei dipendenti provinciali

Il Presidente della Provincia Nepi ai microfoni di AntennaRadioEsse; “mobilità per i dipendenti, ma gli Enti non possono assumere.”

nepi
Fabrizio Nepi, Presidente della Provincia di Siena e Sindaco di Castelnuovo Berardenga

Sempre più preoccupati i dipendenti della Provincia, la paura è il dimezzamento del personale. In Parlamento è stato affrontato il tema, e con alcuni emendamenti proposti alla legge di stabilità ci sarà la possibilità di inviare in mobilità il personale in eccedenza ad altri enti. “Un segnale di speranza – ha affermato ai nostri microfoni il presidente della Provincia Fabrizio Nepi –  ma ancora non è chiaro come faranno gli enti a poter farsi carico di altri dipendenti, perché non possono assumere”. Gli enti dello stato hanno vincoli sulla spesa del personale, e la paura dei dipendenti è quello di rimanere senza posto di lavoro.  Domani dalle ore 10.30 alle ore 11.30 i lavoratori della Provincia di Siena effettueranno un presidio a Siena davanti alla Prefettura. “Il problema è anche quello  dell’erogazione dei servizi per i cittadini – spiega – e il bilancio non aiuta, il rischio è quello del dissesto. Rischieranno, dopo i tagli del 2015, l’80 % delle Province italiane, e a rimetterci saranno tutti i cittadini”.

CGIL FP, CISL FP, UIL FPL e RSU hanno infatti convocato per domani 23 Dicembre 2014 dalle ore 10,30 alle 11,30 un’assemblea-presidio-flash mob dei dipendenti della Provincia di Siena davanti alla Prefettura in Piazza del Duomo.

“Dopo il presidio effettuato in Regione Toscana il 15 Dicembre e dopo aver occupato la sede istituzionale della Provincia il 18 dicembre – annunciano i sindacati – proseguiamo la mobilitazione e la lotta per contrastare il DDL di Stabilità che oggi comincia il suo percorso alla Camera dopo aver ottenuto la fiducia al Senato. La protesta di domani sarà in contemporanea dinanzi a tutte le Prefetture Italiane”.

“In questo provvedimento – spiegano CGIL FP, CISL FP, UIL FPL e RSU – permangono i devastanti tagli alle risorse che opereranno sui servizi ai cittadini per le Regioni, le Province e i Comuni e nulla cambia rispetto alla reale preoccupazione sulla sorte dei dipendenti provinciali che entrano (almeno il 50%) in una deriva ricollocatoria tra gli Enti della PA incerta e indefinita, che si concluderà nel 2017 con la messa in disponibilità definitiva e la successiva inevitabile perdita del posto di lavoro”.

“Il Governo – incalzano le sigle sindacali – dica la verità: le tasse aumenteranno e i servizi pubblici anche essenziali si ridurranno drasticamente per arrivare a sparire; al contempo si mettono a rischio i livelli occupazionali”.

“Chiederemo di essere ricevuti da sua Eccellenza il Prefetto – continuano i sindacati – affinché trasmetta la nostra posizione e la nostra protesta di cittadini e lavoratori al Governo, che domani, in virtu’ delle pressanti proteste, ha convocato le Segreterie Nazionali di CGIL, CISL e UIL. Tutto ciò porteremo anche all’incontro previsto questo pomeriggio in Regione Toscana con il Governatore Rossi. I lavoratori delle Province e le loro Rappresentanze Sindacali non sono assolutamente rassegnati e disponibili a questa deriva, ma sono vivi e faranno sentire la loro voce e la loro protesta con ulteriori e più incisive azioni di lotta per tutelare i servizi ai cittadini e i posti di lavoro”.

 

Carolina Sardelli

RADIO STREAMING POPUP

Ad

hit in testa

ESTRA NOTIZIE

Meteo

Meteo Siena