Prima pagina

Derby colligiana-Poggibonsi, tensione al Manni

Tensione allo stadio Manni di Colle Val d’Elsa durante il derby tra Colligiana e Poggibonsi ed accuse, nemmeno tanto velate da parte del presidente della Colligiana verso il Comune e le forze dell’ordine. “Avevo più volte nel corso della settimana manifestato le mie preoccupazioni vista la concomitanza di più eventi in città questo pomeriggio, ma alla fine non sono stato ascoltato ed è successo l’inevitabile.” Parole amare quelle del Presidente biancorosso Massimo Rugi, che dopo i tafferugli denuncia la mal organizzazione dell’evento.
Gli oltre cinquecento tifosi del Poggibonsi infatti giunti al Manni sono stati dirottati verso l’aria tecnica, entrando nello stadio non tramite l’ingresso ospiti, chiuso per motivi logistici vista la concomitanza con la gara ciclistica GranFondo, ma entrando dall’ingresso degli spogliatoi, per poi essere scortati fino al settore loro riservato passando però sotto la curva degli ultrà biancorossi. Il contatto tra le due tifoserie ha creato le prime tensioni, con seguente lancio di fumogeni e bombe carta. Tensioni che si sono ripetute anche al termine della partita, conclusa con un pareggio, che ha spezzato le speranze dei Leoni giallo rossi di passare direttamente in Lega Pro.
Disagi verificatisi a causa di “un Derby sicuramente mal gestito e sottovalutato, considerando anche la scarsa presenza di forze dell’ordine.” Così il presidente Rugi non nasconde i suoi malcontenti verso le decisioni organizzative prese.

Antonello Pianigiani, Presidente Poggibonsi
Antonello Pianigiani, Presidente Poggibonsi

In seguito al Match anche il patron giallorosso Antonello Pianigiani è interventuto: “non posso esprime giudizi, ma ho preso atto di quanto accaduto. Ho dovuto fare da addetto alle forze dell’ordine scortando i miei tifosi sia in ingresso che in uscita dal Manni.”

 

Carolina Sardelli

RADIO STREAMING POPUP

ESTRA NOTIZIE

Ad

Meteo

Meteo Siena