De Mossi (candidato sindaco): “Ancora preoccupazione per i dipendenti di Bassilichi”
31 Mar, 2018
de mossi

“Com’era prevedibile dalle nostre parti vige sempre il solito adagio piddino: passata la festa con quello che segue – spiega il comunicato a sindaco di Siena Luigi De Mossi attraverso una nota stampa – E’ di oggi la notizia che Nexi intende parcellizzare e spacchettare gli uffici di Siena con cessioni di rami d’azienda che altro non sono che i prodromi del depotenziamento progressivo con evidenti rischi di perdita di lavoro o offerte di incentivi per risolvere il contratto per moltissime persone e con ricadute sul territorio facilmente intuibili”.
“Se poi vi fosse il trasferimento di decine di lavoratori in altre parti d’Italia questo renderebbe assolutamente inadeguata la convenienza economica – prosegue De Mossi – tenuto conto che solo la disponibilità della casa propria o dei genitori consente a numerose famiglie di dipendenti di vivere in modo dignitoso. Se quei lavoratori dovessero essere trasferiti non potrebbero neppure sostenere le spese di un affitto e, quindi, il loro lavoro sarebbe a rischio”.
“E’ significativo che il caso sia scoppiato alla vigilia di Pasqua quando ormai sono passate le elezioni politiche – conclude De Mossi – come sempre le promesse del PD si rivelano carta straccia e bene hanno fatto quei lavoratori a rivolgersi, in tempi non sospetti, all’Onorevole Borghi che ha espresso in modo chiaro quali devono essere le dinamiche di chi opera in appalto per gli enti pubblici cioè l’assunzione diretta degli stessi enti senza che le aziende mediatrici possano guadagnare sui contratti di appalto”.