David Bussagli nuovo presidente FTSA
12 Ago, 2014
David Bussagli Poggibonsi_800x534

E’ David Bussagli, Sindaco del Comune di Poggibonsi, il nuovo Presidente della Fondazione Territori Sociali Altavaldelsa. La carica gratuita, così come sancito nell’articolo 15 dello statuto per tutti i membri degli organi, arriva contemporaneamente alla nomina dei nuovi consigli di Indirizzo e di Gestione della FTSA.

“Il modello della FTSA per la gestione associata dei servizi sociali in Valdelsa – afferma il neo Presidente David Bussagli – continua ad essere l’unico in grado di garantire una distribuzione uniforme dei servizi in tutto il territorio, attraverso economie di scala che ottimizzano mezzi strutture e personale. L’esperienza della Fondazione Territori Sociali Altavaldelsa in questi anni dimostra, infatti, che per dare risposte competenti ed efficaci agli utenti e governare l’intero sistema è sempre più indispensabile disporre di una dimensione demografica ed economica adeguata”.

“Un ringraziamento sincero – prosegue Bussagli – va ai membri del Consiglio di Indirizzo per la stima e la fiducia accordatami. Da parte mia cercherò di ripagare le attese mettendomi completamente a disposizione con l’entusiasmo e la passione di cui sono capace. Un doveroso grazie va, inoltre, a chi in tutti questi anni ha con forza rivendicato il ruolo e l’importanza dei servizi sociali per il tessuto della nostra comunità. Penso in particolare a Paolo Brogioni e Antonio Mazzarotto, rispettivamente Presidente e Direttore Generale della FTSA, che ci lasciano in eredità una realtà ormai affermata e apprezzata non solo a livello provinciale, ma anche regionale e nazionale”.

“Non può sfuggire a nessuno di noi tuttavia – conclude il Presidente della FTSA – l’onore e l’onere che questo passaggio comporta: dovremo essere capaci di proseguire con l’innovazione già avviata, leggendo la grande domanda di comunità e orientando in questa direzione scelte e strategie di ampio respiro. E’ un nostro preciso dovere, infatti, fornire risposte adeguate alle domande emergenti ancor più in una situazione economicamente complicata come questa, in cui soltanto il rafforzamento della coesione e dell’inclusione sociale possono rappresentare il volano per una crescita di tutta la comunità”.