Dal 1 febbraio scatta la riduzione del 10% per i bollini della Ztl
13 Gen, 2017
valentini maggi

Dal prossimo mese di febbraio saranno ridotte in una percentuale del 10% le tariffe di sosta per i residenti nella ZTL. Questo l’annuncio dato in occasione della conferenza stampa tenutasi stamani a Palazzo Berlinghieri e introdotta dal sindaco Bruno Valentini, il quale ha affermato come <<il provvedimento sia stato adottato ieri dalla Giunta nell’ambito generale delle politiche per la mobilità sostenibile che, negli ultimi anni, stanno qualificando l’azione dell’Amministrazione comunale: dall’incentivazione alla mobilità elettrica a quella ciclabile, dall’estensione della pedonalizzazione nelle vie del centro alla costruzione di nuovi marciapiedi e di fermate degli autobus accessibili per tutti”.

“La nostra Amministrazione – ha proseguito il sindaco – è la prima a diminuire il costo dei bollini dalla loro istituzione: prima con il dimezzamento dei bollini ARU e adesso con quelli per la ZTL. La decisione di rivedere al ribasso gli importi per la sosta nella ZTL è stata resa possibile da più fattori. Dopo il difficile risanamento del bilancio e la salvaguardia dei servizi ai cittadini, è finalmente possibile alleggerire alcune tariffe, oltre che programmare un forte rilancio degli investimenti>>. <<Inoltre – ha continuato – la buona gestione della società Siena Parcheggi permette di ridurre gli introiti derivanti dalle tariffe mensili di sosta nella ZTL, anche se i flussi di ricavi garantiti da Siena Parcheggi al Comune sono fondamentali per la manutenzione delle strade e per gestire l’intero sistema delle scale mobili, che da solo costa un milione di euro circa. È inoltre opportuno ricordare che da quando i permessi per l’ingresso temporaneo nel centro storico sono gestiti da Siena Parcheggi, il loro costo unitario è sensibilmente diminuito”.

L’assessore alla Mobilità, Stefano Maggi, ha aggiunto che dal punto di vista strettamente tecnico “sono stati ottenuti importanti risparmi con l’adozione delle nuove forme di gestione del sistema dei varchi e dell’applicativo per il rilascio dei permessi, oltre che tramite l’introduzione della tecnologia di identificazione a radiofrequenza RFID su tutti i permessi residenti e, infine, l’utilizzo sempre più ricorrente dei pagamenti mensili online>>. Nel merito dell’impianto tariffario, l’assessore Maggi ha quindi ricordato come il sistema per la circolazione e la sosta nella ZTL, in vigore dal 2014, si basi sul principio di proporzionalità tra la lunghezza dei veicoli, e quindi lo spazio pubblico effettivamente occupato dagli stessi, e l’importo delle rispettive tariffe.

“Allo scopo di disincentivare l’uso dei veicoli maggiormente ingombranti – ha puntualizzato – e di alleggerire l’impatto visivo della sosta nel centro storico, le riduzioni non saranno applicate ai veicoli di lunghezza superiore a 4,80 metri. Anche le auto elettriche manterranno la stessa tariffa (30 euro annui), perché i relativi importi rappresentano oggettivamente il minimo che possa essere previsto per i permessi annuali”.

Sulla base della delibera, le nuove tariffe sono state ridotte a 18 euro (dai precedenti 20 euro) per la fascia A che interessa i veicoli di lunghezza inferiore a 3,80 metri; a 22 euro (anziché 25) per quelli di fascia B compresi fra 3,80 e 4,30 metri; a 24 euro (invece di 27) per i mezzi tra 4,30 e 4,80 metri, classificati in fascia C. Ai residenti che hanno già provveduto ai pagamenti delle prossime mensilità da febbraio a dicembre 2017 sarà restituita la differenza tra quanto corrisposto e quanto dovuto ai sensi del nuovo piano tariffario.