Cuochi da tutta Italia in “cucina” al Tartarugone
11 Ott, 2018
IMG_20181011_122049

Siena per due giorni sarà al centro della cultura gastronomica italiana. L’occasione è offerta dalla Federazione Italiana Cuochi, che ha scelto la città del Palio per la manifestazione annuale con cui si celebra la figura del cuoco, come artigiano del cibo, quello umile, che lavora ogni giorno nelle cucine dei ristoranti.

L’appuntamento, articolato in vari eventi, avrà il suo apice domenica prossima dalle 17 in poi, in Piazza del Mercato, dove si svolgerà il Percorso Gastronomico delle Regioni con i migliori piatti della tradizione italiana, cucinati in piazza dagli chef della Federazione ed un percorso più piccolo sui prodotti locali. Questo viaggio fra i sapori sarà aperto a tutta la cittadinanza, che acquistando un ticket potrà gustare queste specialità. Saranno inoltre presenti i sommelier della Fisar, per la degustazione ed il racconto dei vini del territorio. Il ricavato della giornata andrà in beneficienza all’Ail, Associazione Italiana contro le Leucemie.

Questo progetto ha avuto il patrocinio del comune di Siena ed è stato organizzato in collaborazione con Cna Siena, primo evento dopo la sigla dell’accordo con l’Associazione Cuochi Senesi alcuni mesi fa.

“Un’iniziativa – ha sottolineato l’assessore al Commercio e Turismo Alberto Tirelli – che punta a promuovere le grandi eccellenze gastronomiche di Siena, straordinario patrimonio culturale di un’intera comunità. Il cibo è un importante elemento di identità e questo evento punta a far conoscere la ricchezza della nostra terra e le eccezionali tradizioni culinarie realizzate dalla sapiente arte degli chef senesi”.

Sulla stessa linea il direttore di Cna Siena Alessandro Brilli: “Siamo un punto di riferimento consolidato per chi opera con il saper fare e la manualità artigianale per questo non possiamo che accogliere con entusiasmo la collaborazione nata con questa importante associazione del territorio. Il settore della produzione alimentare di eccellenza è una risorsa unica del nostro territorio strettamente collegata all’artigianato di qualità ed al turismo. Cna Agroalimentare sta portando avanti molte importanti iniziative per promuovere e tutelare le nostre eccellenze enogastronomiche”.

Per questo lo chef Antonio Morelli, vice presidente nazionale della F.I.C., si esprime sulla responsabilità che hanno i cuochi nel racconto del territorio. “Oggila figura del cuoco è stata rivalutata dai media e questo ci gratifica, ma ci rende consapevoli di una grande responsabilità: il cuoco è un ambasciatore del territorio, delle materie prime e delle tradizioni del luogo in cui opera. Quindi la Festa del Cuoco a Siena, nel 2018, anno del cibo, porta in piazza i piatti tradizionali della cucina italiana, per far fare a quanti verranno a trovarci, un viaggio nella penisola attraverso la cucina. Ma questa sarà anche l’occasione per chi non è di Siena per scoprire le numerose eccellenze gastronomiche di questo territorio.”

Come da programma, non c’è solo la grande kermesse del gusto di domenica al Tartarugone, ma anche un interessante convegno, sabato pomeriggio (inizio ore 17) all’hotel Four Points by Sheraton in via Lombardi (zona Viale Bracci), dal titolo “La salute a tavola”, al quale hanno già aderito medici, nutrizionisti e chef.  Al termine del convegno, stessa location, si terrà la Cena di Gala in onore degli chef senesi “Mario Neri e Pierluigi Stiaccini”, fondatori dell’Associazione Cuochi Senesi. Durante la cena sarà consegnato il premio a loro intestato, a tre personalità della nostra area che si sono distinte nell’ambito della cucina, della sua innovazione e della divulgazione della tradizione culinaria e dei prodotti tipici del territorio.