Facebook Posts Home Slide Show Prima pagina

Coronavirus: il punto alle 8.00 del 26 febbraio

MERS-CoV Novel Corona virus concept. Middle East Respiratory Syndrome abstract collage. Chinese dangerous infection

Non ci sono le condizioni in Toscana per giustificare provvedimenti di emergenza come la chiusura delle scuole o la sospensione dei soccorsi. Lo ha detto ai sindaci il governatore Enrico Rossi dopo i due casi di tamponi positivi al coronavirus riscontrati in regione. Si tratta di un quarantenne di Pescia e un imprenditore fiorentino di 63 anni. Per entrambi si attende dal Ministero della Salute la conferma definitiva. Migliaia di persone sono state identificate e messe sotto controllo il regione. Sulla base di queste indicazioni e dell’esito negativo sui casi sospetti, anche il sindaco di Piancastagnaio ha deciso di riaprire le scuole.

È stato ancora una volta ribadito che i tamponi non si fanno a tappeto ma solo a chi presenti sintomi sospetti o abbia avuto contatti con le aree di contagio. E i tre numeri messi a disposizione dalle Aziende Sanitarie vanno contattati esclusivamente da chi rientra in Toscana da Cina, Veneto e Lombardia, cioè da una delle aree di contagio o è stato a stretto contatto con qualcuno proveniente da queste zone che però abbia sintomi di una malattia acuta alle vie respiratorie. Chi invece presenta sintomi generici o non ha avuto rapporti con le aree di contagio deve rivolgersi prima di tutto al proprio medico curante o al pediatra, che devono essere raggiungibili al telefono tra le 8 e le 20.

Intanto anche il pronto soccorso oculistico delle Scotte è stato trasferito all’interno di quello generale, in modo tale che anche per esso si possa accedere solo dopo essere passati per il pre-triage. Altri check-point saranno predisposti agli ingressi dell’ospedale, e sarà consentito di entrare a un solo visitatore per paziente.

E anche dopo la vicenda dei carabinieri chiamati a Sinalunga dai passeggeri di un autobus che avevano sentito un autista parlare del virus al telefono, Tiemme ha fatto sapere di avere fornito indicazioni a tutti i propri dipendenti, specie per i servizi al contatto con il pubblico. L’azienda ha avviato anche un’intensificazione delle attività di pulizia e sanificazione degli autobus e dei locali aziendali.

L’Università di Siena ha rinviato l’Open Day previsto per oggi, che sarà riprogrammato seguendo l’evolversi della situazione.