Comprava abiti costosi, ma pagava con assegni falsi di una banca francese: denunciato 83enne truffatore
4 Feb, 2019
polizia volanti

Aveva truffato decine di persone e commercianti di abbigliamento, ma è stato individuato dalla Polizia di Stato e denunciato.
I poliziotti della squadra mobile della Questura di Siena hanno rintracciato V.E., 83enne originario di Messina ma senza fissa dimora, abile truffatore.
L’anziano si presentava alle vittime ben vestito e curato nell’aspetto, facendo acquisti di abbigliamento molto costosi, anche qualche migliaia di euro alla volta, ma pagava sempre con assegni bancari tratti su una banca francese, fornendo recapiti di fantasia. La sorpresa arrivava subito dopo per i commercianti, che si avvedevano della mancanza di copertura finanziaria.
Invano cercavano poi di contattare il “cliente” che era irreperibile.
Sono state segnalate alla Polizia decine di episodi con modalità simili, su tutto il territorio nazionale, da Assisi a Torino, passando anche per San Gimignano.
Gli investigatori della Squadra Mobile hanno, infatti, accertato che una commerciante di San Gimignano aveva denunciato di essere stata truffata lo scorso giugno.
In quell’occasione l’anziano aveva acquistato nel suo negozio vestiti per circa 800 euro, pagando con assegni di una banca francese poi risultati rubati.
Dalle indagini è emerso un possibile collegamento con gli altri fatti, realizzati con le stesse modalità.
I poliziotti hanno quindi fatto visionare le foto segnaletiche ai testimoni/vittime, che hanno riconosciuto l’uomo senza ombra di dubbio.
L’anziano è stato pertanto denunciato e dovrà rispondere del reato di truffa, rischiando una condanna a tre anni di reclusione.