Colle Val d’Elsa, segnali positivi dai dati del turismo
13 Ott, 2016
museo-cristallo-colledivaldelsa

Per il movimento turistico di Colle di Val d’Elsa sono stati registrati dati significativi sulle presenze dei visitatori all’interno dei due importanti strutture della città. Come il Museo del Cristallo e il punto informativo del centro storico. I dati forniti dalla Pro Loco attraverso i propri operatori hanno fatto registrare un segno più sotto tutti i punti di vista. Nel dettaglio è stato registrato un 44,5% in più per ciò che riguarda l’ufficio turistico in Colle alta al netto di tutto il mese di settembre rispetto ai valori dello stesso mese nello scorso anno: 1676 sono i turisti che hanno chiesto informazioni nel 2015 e ben 2422 quelli del 2016. Questo solo per sottolineare i contatti nel solo mese di settembre, anche se tutto il trend è stato positivo se si considera i dati da gennaio a settembre: 8891 contatti nel 2015 e 12409 nell’anno in corso. Oltre 3500 persone in più che non solo sono passate dal centro storico ma si sono fermate a chiedere informazioni all’ufficio turistico. Ancora più sorprendenti i dati relativi al Museo del Cristallo: 277 erano stati i biglietti staccati in tutto il mese di settembre del 2015, 1310 gli ingressi registrati in tutto settembre 2016, con un più 373%. Anche in questo caso un trend in aumento, costante per tutto l’anno: 3166 ingressi nel periodo compreso tra gennaio e settembre 2015, 5013 visitatori da gennaio e settembre di questo anno. “Questi dati sono il frutto di un lavoro costante portato avanti dall’amministrazione comunale assieme alla Pro Loco – ha commentato l’assessore al turismo del Comune di Colle di Val d’Elsa Michela Moretti – grazie al quale è stato possibile migliorare l’offerta nei confronti di coloro che hanno deciso di passare le proprie vacanze nella nostra città. A tutto questo va anche aggiunta la riapertura del fornino per la lavorazione dal vivo del cristallo che ha riscosso rinnovato interesse ed entusiasmo. La volontà era quella di riappropriarci dei valori storici e culturali della nostra terra e questo non può che essere l’inizio di un nuovo percorso”. Secondo l’assessore infatti i dati nettamente positivi forniti da ufficio turistico e Museo del Cristallo non devono essere un punto di arrivo, ma la ripartenza per offrire nuove opportunità per il turismo: “Proprio per questo puntiamo molto sulla prossima primavera quando riusciremo a mettere in rete tutti i nostri musei con la riapertura del Museo Archeologico e con l’inaugurazione del San Pietro”. Il tutto in attesa dei dati dell’osservatorio turistico provinciale, che arriveranno, comunque, ad inizio 2017 e che certificheranno le presenze sul territorio colligiano.